Antepost Ligue 1: il PSG è senza rivali

Ligue 1 e 2

Finalmente ci siamo, riparte la Ligue 1. In pochi mesi, le attenzioni del mondo verso il massimo campionato francese si sono moltiplicate a dismisura: l’arrivo di nuovi grandi campioni ha arricchito un torneo che, fino a pochi anni fa, era considerato di livello non altissimo. Ora, invece, anche in Francia stanno approdando calciatori di livello mondiale, molti dei quali sono stati strappati alla nostra Serie A. Analizziamo possibili protagonisti, sorprese e delusioni di una stagione che si preannuncia interessantissima.

Favorita per il titolo

Inutile girarci intorno: il Paris Saint-Germain è strafavorito per la conquista del titolo. I bookmaker propongono una quota piuttosto bassa, ma non potrebbe essere altrimenti. La squadra della Capitale ha tutto per dominare: i faraonici acquisti di Thiago Silva, Ibrahimovic, Lavezzi e Verratti hanno arricchito una rosa già straordinaria, comprendente gente come Pastore, Thiago Motta, Alex, Maxwell e Sirigu. In panchina poi c’è un allenatore fantastico come Carlo Ancelotti, che ha tutte le qualità giuste per gestire un gruppo ricco di campioni e proteggerlo dalle enormi pressioni a cui certamente sarà sottoposto. Se il Psg non dovesse vincere questo campionato, sarebbe davvero clamoroso.

VINCENTE: PSG • [ 1.34, # ]
Possibili sorprese

Confermarsi su alti livelli non sarà semplice per il Montpellier, che nello scorso mese di maggio ha festeggiato un titolo clamoroso e strameritato. Lasciarsi alle spalle il Psg questa volta sarà pressoché impossibile, e già assestarsi tra il secondo ed il terzo posto rappresenterebbe una grande sorpresa. Non c’è più Giroud, ceduto all’Arsenal, ma è rimasto Belhanda, altro gioiello da tenere d’occhio. Occhio poi al Lille, che ha perso Hazard, andato al Chelsea, ma non difetta di qualità: gli arrivi di Kalou e Martin, in questo senso, sono sinonimi di garanzia. Altre possibili sorprese sono il Rennes, il Bordeaux ed il Tolosa, che nella passata stagione ha esibito un’invidiabile solidità difensiva, chiudendo in ottava posizione. Questo sarà l’anno giusto per il definitivo salto di qualità?

Possibili delusioni

Olympique Lyonnais ed Olympique Marsiglia sono reduci da una stagione complicatissima, ed è per questo che era lecito attendersi qualche movimento di mercato in più da parte di queste due squadre. Le operazioni in entrata, invece, sono state pochissime fino a questo momento, e nel caso del Marsiglia andranno verificate le conseguenze legate al cambio di allenatore. Deschamps ha lasciato la panchina del “Vélodrome” dopo tre anni, ed al suo posto è arrivato Baup, tecnico esperto ma rimasto fuori dal giro nelle ultime tre stagioni. Lione e Marsiglia insomma non partono in prima linea, anche se tradizione ed eventuali rinforzi dell’ultimo momento potrebbero modificare le prospettive dei due club.