Berrettini resta a terra: l’annuncio social scatena il panico

Berrettini, la notizia circolata nelle scorse ore ha fatto cadere i tifosi del romano nello sconforto: sembra impossibile.

C’è chi il tennis lo segue solo di tanto in tanto, non fosse altro per parteggiare un po’ per gli azzurri. E poi c’è chi, invece, quando la carovana si sposta dall’altra parte del mondo, cambia i propri ritmi e le proprie abitudini pur di sostenere i propri beniamini anche ad orari impensabili.

Berrettini resta a terra: l'annuncio social scatena il panico
Berrettini (LaPresse) – ilveggente.it

Solo gli appassionati, quelli degni di questo nome, lo farebbero. E solo loro, bene informati sui fatti che riguardano il tour, si saranno immediatamente resi conto che qualcosa non andava, in quell’annuncio divenuto subito virale sui social network. Cinque persone lo hanno addirittura retwittato sulla piattaforma X, del tutto ignare del fatto che i conti non tornassero e che c’era qualcosa di palesemente fake in quelle parole. Molti altri lo hanno visualizzato e tanti hanno fatto doppio tap sul cuore, dando conferma di aver letto la notizia e di averla recepita.

Sta di fatto che, indipendentemente da chi l’abbia postata e perché, ha finito con lo scatenare il panico più assoluto. Perché è arrivata al momento giusto, perché pur essendo assurda agli occhi dei più informati era, in realtà, credibilissima. Almeno fino a un certo punto.

Berrettini, bye bye Australia: la fake news impazza su X

Qualche ora dopo che Matteo Berrettini ha postato la foto che lo ritraeva in aeroporto, attraverso la quale ha confermato la sua partecipazione agli Australian Open, sul social di Elon Musk è circolato un annuncio che, almeno all’apparenza, pareva effettivamente ben contestualizzato.

Berrettini resta a terra: l'annuncio social scatena il panico
Berrettini e Tsitsipas a Melbourne (Instagram) – ilveggente.it

“Sa di beffa quanto successo a Matteo Berrettini oggi – c’era scritto – Una volta salito sull’aereo diretto a Melbourne, dove si gioca l’Australian Open, è stato costretto a scendere“. Fin qui poteva sembrare anche realistico, più o meno, ma dalla chiosa era palese che si trattasse, invece, di una fake news. “Il suo Boeing si è rifiutato di partire con lui a bordo”.

A scriverlo è stato palesemente qualcuno che non nutre una grande simpatia per Berrettini, ma il problema non è questo, quanto piuttosto i commenti. “Che sfiga questo ragazzo”, ha scritto qualcuno, “Non ci credo”, gli ha fatto eco qualcun altro, che ha evidentemente abboccato all’amo e pensato che Matteo fosse realmente rimasto a terra per via della compagnia aerea. E invece no. Il romano, con buona pace degli haters, è a Melbourne e si è già allenato con Stefanos Tsitsipas. Non vincerà lo Slam, magari non supererà neanche il primo turno, sebbene tutto possa accadere. Ma dinanzi alla sua voglia di provarci, a dispetto di tutte le circostanze palesemente in suo sfavore, non resta che inchinarsi.
Impostazioni privacy