Contro l’ideologia del corto-muso: “Allegri e Mourinho fanno male al calcio italiano”

La Juventus e la Roma continuano a ottenere risultati utili nonostante l’assenza di gioco, ma in tanti criticano le scelte tecniche di Allegri e Mourinho.

Luigi Maifredi, ex calciatore e allenatore di Genoa, Brescia e Bologna, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di TVPlay per parlare del gioco della Juventus di Massimiliano Allegri, attualmente seconda in classifica a due punti dall’Inter capolista, e dell’atteggiamento difensivista di José Mourinho con la Roma.

Mourinho e Allegri "un male per il calcio italiano" - www.ilveggente.it
José Mourinho abbraccia Massimiliano Allegri (LaPresse)

Prima di dedicarsi alle critiche a Juve e Roma, Maifredi ha voluto esaltare il Bologna di Thiago Motta: “Dopo 15 giornate già si evince che il Bologna è una squadra competitiva. La città aspettava da anni che la squadra facesse bene. L’avvento di Sartori è stato decisivo per portare questa possibilità a essere reale: è stato l’autore dei miracoli di Chievo e Atalanta, e credo farà benissimo anche a Bologna. Ma, in realtà, non avevo grossi dubbi…

La Juve si sta comportando bene ma come gioca una provinciale“, ha continuato l’intervistato. “Dopo anni i tifosi della non vedono più una squadra dominare ma vincere. Forse questo li accontenta, ma il timbro della Juve deve essere diverso. Non puoi giocare con difesa e ripartenza… Ovviamente, quando si vince, tutte le cose si cancellano, ma ribadisco che c’è qualcosa che non va. Se tu vai a mangiare a palazzo non puoi andare con un vestito scialbo. E quando sei alla Juve non sei in periferia”.

Critiche a Mourinho e Allegri: “Sono un male per il calcio

Allegri e Mourinho sono un problema per la crescita del calcio italiano“, ha poi dichiarato l’intervistato. “Poi, se guardiamo non solo le cose esteriori e cominciamo ad andare a fondo, la situazione è ancora più grave. Esaltare il concetto di corto-muso non fa bene al calcio“.

Mourinho e Allegri "un male per il calcio italiano" - www.ilveggente.it
Max Allegri (LaPresse)

José Mourinho sta facendo malissimo“, ha insistito l’allenatore, ormai fermo dal 2013. “E non so perché è stato preso dalla Roma. Io dico che è scarso come allenatore ma che continua a essere il numero uno come comunicatore, perché ha una grande abilità nell’incensarsi“.

Finora Mourinho è riuscito a dare importanza alla vittoria di una coppa che vincono quelli che arrivano settimi, ottavi e noni in campionato. Finché ci faremo attrarre da questi personaggi e metteremo al centro un certo tipo di tattica nelle partite non miglioreremo. Prevedo che andremo sempre più indietro. E lo stesso problema si pone con Allegri anche se è al secondo posto”.

Impostazioni privacy