Infortunio Sinner, annuncio ufficiale: cosa è emerso dai raggi

Sinner, l’ennesimo infortunio compromette la prestazione del tennista ad Adelaide: ecco cosa è emerso dagli esami ai quali si è sottoposto.

Sembra esserci un filo, neanche troppo sottile, che continua a legare il destino di Jannik Sinner a quello di Emma Raducanu. Qualunque cosa accada, ironia della sorte, succede sempre ad entrambi contemporaneamente.

Infortunio Sinner, esami fatti: cosa è emerso dai raggi
©️LaPresse

Un paio di settimane fa, sia l’altoatesino che la britannica sono stati etichettati dall’Equipe come due delle più grandi delusioni sportive dell’anno appena trascorso. Ma avevano dimenticato, i francesi, di sottolineare che la fortuna non li aveva assistiti neanche un po’, nei dodici e lunghi mesi che ci siamo appena lasciati alle spalle. Che con tutti gli infortuni che hanno collezionato non avrebbero potuto fare meglio di quanto, alla fine, hanno fatto. Ma tant’è.

Nella buona e nella cattiva sorte, insomma, Jannik ed Emma sembrano essere in balia dello stesso destino. Ed è stato così anche all’alba del 2023, quando sia lui che lei si sono visti costretti a fare i conti con quello che più temevano: l’ennesimo infortunio. La Raducanu alla caviglia, Sinner all’anca. Due problemi diversi ma che hanno finito con il compromettere, in egual misura, un inizio di stagione che era parso promettente tanto per l’azzurro quanto per la bella inglesina.

Sinner dal medico per l’anca: il verdetto

I tifosi italiani sono ancora increduli. È difficile accettare che Jannik possa essere fermato per l’ennesima volta dal fisico, suo tallone d’Achille ed ostacolo spesso insormontabile.

Ma forse non accadrà. Forse non sarà necessario, stavolta, mettere tutto in stand-by e rinunciare agli appuntamenti in calendario. Il timore più grande, quando si è diffusa la notizia del suo infortunio, è stato che non potesse partecipare all’Australian Open, in programma tra dieci giorni a Melbourne. Tuttavia, come rivelato dalla giornalista Arianna Nardi su Twitter, l’ “incidente” potrebbe non essere grave come tutti, incluso il diretto interessato, avevano pensato.

“Ho visto il dottore – avrebbe riferito il tennista altoatesino – abbiamo fatto tutti i test e le scansioni. Non è nulla di grave, il che è una buona notizia. Per ora ho bisogno di rilassarmi e riposare. Spero di tornare in campo tra qualche giorno”. Poche parole, ma giuste. Sufficienti a rassicurare il popolo del tennis e a lasciare uno spiraglio in vista del primo Slam della stagione. Sperando davvero che sia solo un dolore passeggero e che Jannik possa lasciarsi alle spalle anche questa breve, ma comunque brutta, parentesi australiana.