Gratta e vinci, l’inganno da 50mila euro è un terno al Lotto: tintinnio di manette

Gratta e vinci, l’inganno da 50 mila euro è un terno al Lotto: la truffa non va a segno e scattano le manette. Una storia incredibile
Immaginate di vincere 50mila euro al Gratta e Vinci e di essere derubati del tagliando. Sì, lo stesso verrebbe bloccato e nessuno potrebbe riscuotere la vincita, ma nemmeno voi, senza quel biglietto, potreste incassare la somma.
Gratta e vinci, l'inganno da 50mila euro è un terno al Lotto: tintinnio di manette
Gratta e vinci ©️Ansafoto
La storia ha comunque un lieto fine, visto che i ladri sono stati bloccato il 73enne, vedono, che ha vinto una bella cifra, potrà incassare quello che la fortuna gli ha voluto regalare. Il fatto è successo in provincia di Salerno, un signore residente a Villammare ma originario di Caselle in Pittari. La storia, raccontata da Repubblica, ha davvero dell’incredibile. E ieri, quando i carabinieri hanno suonato alla porta dell’anziano per comunicare che tutto è andato per il verso giusto, un sospiro di sollievo è stato tirato. Ma andiamo a vedere quello che è successo.

Gratta e vinci, la truffa non va a buon fine

Consapevoli del fatto che l’anziano signore ha vinto, due 22enne, che dovranno adesso rispondere di furto aggravato e in concorso, sono entrati nella casa dell’uomo che conoscendoli, ha aperto. E tra una chiacchiera e l’altra, uno parlava e l’altro trovava il biglietto vincente sottraendolo al 73enne. “Io ho vinto 50 mila euro al “Gratta e vinci” – spiega – ma mi è stato rubato il biglietto, aiutatemi” è stato il tono della chiamata fatta ai carabinieri dall’uomo.
Gratta e vinci, l'inganno da 50mila euro è un terno al Lotto: tintinnio di manette
Gratta e vinci ©️Ansafoto
Le indagini sono immediatamente partite e dopo aver avvisato l’Agenzia delle Dogane del furto con annesso blocco del biglietto, i carabinieri scoprono che il tagliando è stato “verificato” una rivendita Lottomatica di Padula. A questo punto gli investigatori si recano nella struttura e raccolgono alcune testimonianze che portano i carabinieri dritto a casa di un imprenditore di Montesano sulla Marcellana che, interrogato, decide di collaborare. Lui dovrà rispondere del reato di ricettazione.
Nel frattempo, comunque, che il 73enne riesca a incassare la vincita, qualcuno ha voluto regalare un poco di ironia, giocando dove è successo il tutto un terno secco al lotto: “46- 38 e 80 – suggeriscono giocatori esperti – il furto, la vincita e il colpo di fortuna. Da giocare sulla ruota di Napoli”.