Formula 1, rivoluzione Sprint Race: è UFFICIALE

Formula 1, è UFFICIALE: rivoluzione Sprint Race. Ecco quello che c’è da sapere e le novità sulla gara corta del sabato

Del fatto che le Sprint Race sarebbero passate da 3 a 6 l’anno prossimo si sapeva già. Adesso però la Formula 1 ha reso ufficiali anche i circuiti dove ci saranno le gare anche il sabato e non solo la domenica. Prime cose: il format non cambia: sarà qualifica il venerdì, gara veloce il sabato, e Gran Premio domenica. E anche i punti rimarranno identici, con 8 al vincitore e sette al secondo classificato e via così fino al solo punto che guadagnerà chi chiuderà all’ottava posizione.

Formula 1, rivoluzione Sprint Race: è UFFICIALE
Il campione del Mondo Max Verstappen ©️LaPresse

Delle sei piste scelte due hanno avuto anche modo di ospitare la Sprint Race: Spielberg ed Interlagos. Proprio la pista brasiliana avrà la possibilità di godersi per il terzo anno di fila la corsa del sabato che poi deciderà la griglia di partenza della domenica. Nel Mondiale da poco andato in archivio con la seconda vittoria consecutiva di Verstappen, era toccato oltre al Brasile anche a Imola e Silverstone ospitare la gara veloce.

Formula 1, ecco le sprint race del 2023

Formula 1, rivoluzione Sprint Race: è UFFICIALE
Leclerc ©️LaPresse

Non c’è nessuna pista italiana: né Imola e nemmeno Monza. Confermata, come detto, solamente Interlagos in Brasile. Le altre cinque piste che ospiteranno la gara corta del sabato saranno quelle in Azerbaijan, in Austria, in Belgio, in Qatar e negli Stati Uniti. Un doppio spettacolo senza troppi giri di parole, perché anche la gara del sabato è elettrizzante non solo perché dà la possibilità poi la domenica di partire davanti a tutti, ma anche perché mette in palio dei punti veramente pesanti per la stagione.

Difficile, comunque, pensare che il numero possa aumentare anche durante i prossimi Mondiali: sei Sprint Race sono congrue anche per via dei costi che ci sono dietro e che in un certo qual modo, la FIA, cerca di abbattere alle varie scuderie. Anche questo è un altro punto che sarà trattato prima dell’inizio della nuova stagione.