TVPLAY | Calciomercato Juventus, tutto da rifare: “Spese folli”

TVPLAY | Calciomercato Juventus, tiene banco lo scossone dentro la società bianconera. Dalle dimissioni al mercato, la sentenza: “Spese folli”

Le dimissioni dell’intero consiglio d’amministrazione della Juventus hanno scosso non solo il mondo bianconero ma anche l’intero movimento calcistico italiano. Sì, ci sono poche discussioni che fino quando almeno non si conoscerà quello che sarà il nuovo corso della formazione torinese – si parla di un possibile ritorno di Del Piero, per inciso, con la carica di vicepresidente – sarà questo l’argomento più toccato da quotidiani e organi di informazione. Anche nella diretta Twitch di calciomercato.it in onda su TVPLAY, il discorso non cambia. Molti gli opinionisti chiamati a commentare. Uno di questi è il giornalista Carlo Festa, che ha spiegato il suo punto di vista in merito alla questione che ha colpito la società dell’ormai ex presidente Andrea Agnelli.

TVPLAY | Calciomercato Juventus, tutto da rifare: "Spese folli"
Elkann, amministratore delegato di Exor che gestisce la Juventus ©LaPresse

“La Juventus, dal 2000 in poi ha avuto una delle gestioni abbastanza oculate, tanto è vero che ha chiuso molti anni in utile. Successivamente – ha continuato – negli ultimi cinque anni ha fatto un passo più lungo della gamba, nel senso che è aumentato il monte ingaggi a dismisura dei calciatori, è stata fatta un’operazione fallimentare su Cristiano Ronaldo, che è costata tantissimi soldi”. Ronaldo, quindi, come elemento scatenante di quello che è successo negli ultimi anni e che è poi venuto fuori con l’inchiesta Prisma della procura di Torino che ha messo nel mirino le plusvalenze. Ma il discorso di Festa è continuato.

TVPLAY | Calciomercato Juventus: “Reato gravissimo”

TVPLAY | Calciomercato Juventus, tutto da rifare: "Spese folli"
Cristiano Ronaldo ©LaPresse

Il giornalista prima ha spiegato che secondo lui “per la giustizia sportiva non credo che la Juventus rishi tantissimo“, poi ha sottolineato come “il reato è gravissimo”. Ma cosa dovrebbe fare la società bianconera per cercare di venire fuori da questa situazione che si è venuta a creare? Ecco la sentenza: “Ridurre il monte ingaggi perché ha chiuso gli ultimi esercizi in rosso, quindi hanno ammesso anche un commercialista, non penso che sarà quella la scelta nei prossimi anni. Questa è una soluzione temporanea, un commercialista che stia attento ai bilanci e non credo che la Juventus possa fare spese folli nei prossimi anni“.