Stramaccioni superstar a Qatar 2022, il dizionario in gergo: social in tilt

Stramaccioni è la vera superstar del Mondiale in questo momento: a Qatar 2022 l’allenatore è entrato subito nel cuore dei tifosi. E i social sono in tilt

C’è una piacevole sorpresa dopo questi primi giorni di Mondiale. Parliamo di Stramaccioni, ex allenatore dell’Inter che poi ha preso la via del Qatar per continuare a svolgere la sua professione, che sta dimostrando di avere delle doti importanti anche al commento. Elogiato da molti, Strama – non si può dimenticare quel siparietto con Cassano “bene bene” – sta mettendo in riga diversi colleghi più esperti che hanno fatto del commento tecnico il proprio mestiere.

Stramaccioni superstar a Qatar 2022, il dizionario in gergo: social in tilt
Stramaccioni ai tempi dell’Udinese ©LaPresse

I social sono impazziti per le parole utilizzate in questi giorni dall’allenatore. Che dimostra, oggettivamente, ma di dubbi ce ne sono davvero pochi, di conoscere in maniera importante il gioco del calcio. E poi ci sono quelle frasi, in “gergo“, che hanno mandato letteralmente in tilt i social. Anche questa mattina, in Marocco-Croazia, Stramaccioni ne ha dette diverse.

Stramaccioni e quelle parole in gergo

Stramaccioni superstar a Qatar 2022, il dizionario in gergo: social in tilt
Una fase di Marocco-Croazia ©LaPresse

Intanto c’è chi comincia a fare i paragoni con Adani. E molti sembrano essere della stessa idea di un utente che indica Stramaccioni come migliore del collega che ha un passato a Sky e che adesso spopola con la BoboTv e che inoltre commenta le migliori partite del Mondiale. Ma poi ci sono le parole di Stramaccioni che si sentono spesso durante le gare da lui commentate, un dizionario da allenatore, sicuramente da rinfrescare un poco. “Troppo alta la posta in palio”, “In una partita come questa è importante non perdere”. Insomma, sembrano in alcuni momenti i commenti prepartita di un qualsiasi commissario tecnico.

Ma nonostante questo il modo di Stramaccioni piace a molti. Pacato senza dubbio, ma che in alcune situazioni riesce a dare quella enfasi giusta a una partita come Marocco-Croazia che fino ad ora di emozioni ne ha regalate poche. Assolutamente promosso.