Rimborso voucher Covid: come richiedere gli accrediti

Voucher Covid, ecco le misure pensate per sopperire alle conseguenze della pandemia: tutto quello che devi sapere per ottenere i rimborsi.

Dopo il passaggio dalla vita in pandemia a quella post-Covid, molte cose sono cambiate. Anche le soluzioni per poter rimediare a quello che non si è potuto fare a causa della malattia sono totalmente cambiati. Dopo 30 mesi sarà possibile infatti ottenere non più un voucher, ma un vero e proprio rimborso di tutta la cifra che si è spesa per causa del Covid.

Voucher Covid
Pixabay

Rimborso Covid, stop al voucher: come fare

Non sarà di certo semplice poter riavere i soldi delle vacanze prenotate indietro e rinunciare quindi al rimborso in favore di un voucher. Un buon segnale però c’è, chi non ha potuto sfruttare la possibilità di fare una vacanza durante il lockdown potrà ricevere i soldi indietro. Si parla di una vera cifra, denaro che verrà direttamente fatto recapitare ai malcapitati.

Passati i 30 mesi da quando furono dati i famosi voucher, si potranno quindi richiedere dei soldi. Inizialmente per non perdere il denaro già versato c’era una sola soluzione: un buono. Questo voucher inizialmente durava un anno ma poi è stato prorogato per ben 3 volte arrivando a 30 mesi. I consumatori che in questi mesi non hanno usufruito dei buoni però a questo punto potranno riavere i soldi indietro, considerando che la scadenza è alle porte.

voucher covid
Canva

Ovviamente per poter riavere i soldi indietro è necessario non aver mai utilizzato i buoni e le condizioni per i quali questi voucher sono stati dati devono essere necessariamente: il lockdown e quindi  la chiusura forzata dell’attività che ha reso impossibile poter viaggiare, oppure l’aver contratto il Covid durante il periodo di prenotazione e quindi di fatto essere costretti a casa a causa della quarantena.

Finalmente dunque chi non ha, per qualsiasi motivo, sfruttato in questi 30 mesi il famoso voucher che il governo precedente aveva messo a disposizione dei clienti, potrà avere un vero e proprio rimborso. Quest’ultimo sarà pari alla somma che è stata versata per prenotare una vacanza della quale non si è mai usufruito. Per riavere i soldi indietro bisognerà compilare un modulo di richiesta per gli alberghi o i tour operator.