Fognini incredulo: il campo si sgretola sotto i suoi piedi

Tennis Napoli Cup, la delusione dilaga: i campi di gioco sono inadeguati. Un video di Fabio Fognini restituisce l’immagine più plastica del fallimento.

A mettere la parola fine ci ha pensato un video in cui il tennista Fabio Fognini guarda sorpreso il terreno di gioco che calpesta, mentre questo si sfarina al suo passaggio. Dopo una valutazione tecnica l’Atp ha disposto lo stop prima dell’avvio delle qualificazioni a motivo delle cattive condizioni dei campi di cemento montati a Mergellina.

Campo di tennis in pessime condizioni a Napoli
Torneo Tennis Napoli Cup: il campi di gioco in pessime condizioni – Facebook

Probabilmente la pioggia di giovedì scorso è stata la principale causa dei cedimenti dei campi, dove si sono riscontrati, bozzi, avvallamenti e assenza di pittura qua e là. Inoltre in alcuni punti si è constatata anche l’impossibilità del rimbalzo della pallina.

La sorpresa che ha accolto Fabio Fognini

Certo un’immagine insolita, quella che ha fatto il giro del web con il tennista sanremese che guarda incredulo il terreno di gioco mentre si distrugge al suo passaggio. Una bella figuraccia per gli organizzatori, tanto più che i giocatori se ne sono lamentati: “Rimbalzi anomali e rischio infortuni”, hanno commentato. Il torneo 250 di Napoli si è dunque fermato, tutto da rifare. Saltati gli incontri che si sarebbero dovuti disputare la scorsa settimana. I terreni sono tutti impraticabili. Sia quello dell’Arena con 4 mila posti sul lungomare di Mergellina sia quelli del Tennis Club Napoli 1905. Le qualificazioni sono state pertanto spostate al Tennis Club Pozzuoli, a Monteruscello.

Il campo che si sfalda

A Napoli con Fabio Fognini in campo sono del tutto evidenti le pessime condizioni del terreno di gioco. Il campione lo osserva, lo tocca, lo testa sconfortato. Alla fine ci sorride su. Un video riprende il tappeto di gioco mentre si sfalda sotto i suoi passi. Probabilmente un ruolo in tutto questo potrebbe averlo giocato la pioggia. A sentire gli organizzatori del torneo Atp, “tutto è stato affidato a un’azienda leader di settore come Mapei, che ha fornito il materiale e montato i campi. C’è stato – continuano – un problema tecnico imponderabile nella composizione dei campi, non dipesi dall’organizzazione”, dicono.

Di fatto i tennisti si sono rifiutati di confrontarsi agonisticamente su campi così malridotti. Troppi altro il rischio infortunio, sostengono. In arrivo da Firenze il nuovo terreno che il Tennis Club Napoli 1905 ha acquistato in tutta fretta. Ad ogni modo il torneo dovrebbe partire oggi 17 ottobre. I biglietti venduti sono rimborsabili o rischedulati a seconda delle preferenze della utenza.