Fognini e Flavia Pennetta, il futuro fa paura: il punto d’incontro che non c’è

Fognini, con Flavia Pennetta c’è qualcosa che non va. I due tennisti non riescono proprio a trovare un punto d’incontro.

Zitto zitto, quatto quatto, ha sgomitato per qualificarsi e si è già regalato il secondo turno del Masters 1000 di Cincinnati. I suoi haters non lo credevano possibile, ma non c’è nulla che piaccia a Fabio Fognini quanto l’oltrepassare i suoi limiti e dare il benservito a chi non crede in lui.

Fognini
©LaPresse

Prima dell’avventura sul cemento americano, l’ennesima della sua carriera di tennista, si è concesso una fuga d’amore insieme alla sua compagna di vita. Il sanremese e Flavia Pennetta si sono presi qualche giorno solo per loro, per lasciarsi cullare dalle acque del Canal Grande di Venezia.

Dopodiché hanno fatto ritorno a Barcellona, la base “logistica” della loro famiglia, dai tre splendidi bimbi che sono nati da questa unione tutta tennistica. Una storia, la loro, che ha sempre fatto “invidia”, non fosse altro per la complicità che li lega e per il modo in cui si completano l’un l’altro.

Fognini e Flavia Pennetta ai poli opposti

Fognini
©LaPresse

Il loro è un rapporto fatto d’incastri perfetti. Flavia lo bacchetta quando lui dà di matto in campo ed è la sola a sapere come calmarlo, sebbene dica che a casa sia un’altra persona rispetto a quella che siamo soliti vedere in partita. Eppure, c’è un punto sul quale proprio non riescono a convergere.

Benché Fognini e la Pennetta siano unitissimi, non sono troppo d’accordo su certi progetti futuri. Quando il Corriere, in una recente intervista, ha chiesto all’ex tennista se le faccia gola l’idea che uno dei loro tre figli possa impugnare la racchetta e seguire le orme di mamma e papà, la sua risposta è stata spiazzante

“Io ne sarei entusiasta – ha dichiarato la leggenda del tennis femminile azzurro – Fabio meno. Ma insomma l’importante è che i figli abbiano una passione e la coltivino, che ci sia qualcosa che gli toglie il fiato come il tennis a noi”. Due posizioni distanti e diametralmente opposte che metteranno a dura prova, dunque, la loro relazione.