Fognini campione di lungimiranza: alla fine è successo per davvero

Fognini gongola: ci aveva visto giusto e la sua profezia si è già avverata. Ecco cosa aveva previsto il tennista ligure.

Da un anno a questa parte il tennis italiano è cambiato da così a così. Il primo ad emergere è stato Matteo Berrettini, che per la prima volta nella storia ha portato la sua Italia in finale a Wimbledon. Il suo successo non è però stato fine a se stesso. In qualche modo, ha fatto da apripista e inaugurato un nuovo corso, più in generale, per gli azzurri della racchetta.

Fognini
©️LaPresse

Da quel momento in poi, gli italiani hanno guarda caso iniziato a collezionare un traguardo dopo l’altro. Si pensi ai risultati pazzeschi di Jannik Sinner e anche a quelli, più recenti, di Lorenzo Musetti. Ma anche alle prestazioni di Lorenzo Sonego e ai primi passi mossi sulla scena internazionale dagli atleti del vivaio nostrano.

L’Italia è di nuovo competitiva e lo sarà, almeno si spera, per molti anni ancora, con talenti di questo calibro a rappresentare il tricolore. Un nuovo corso è ufficialmente iniziato ed è anche per questo motivo che Fabio Fognini potrebbe presto uscire di scena. Ora che la linea è tracciata e che gli eredi sono stati designati, è libero di farlo.

Fognini, alla fine è successo per davvero

Fognini
©️LaPresse

Il tennista di Sanremo che esordirà oggi ad Umago, in Croazia, lo aveva previsto in tempi non sospetti, come sarebbero andate le cose. Rispolverate oggi, le sue parole appaiono più che mai profetiche: “Lorenzo Musetti deve acquisire un altro po’ di fiducia – aveva detto in conferenza stampa a Montecarlo – da questo punto di vista è leggermente indietro ma è sulla via giusta. Non bisogna mettere loro fretta: probabilmente questi due ragazzi (lui e Sinner, ndr) faranno la storia del tennis italiano, lasciateli giocare. Se li lasciate giocare sicuramente ci saranno delle ottime sorprese“.

Aveva ragione su tutta la linea, Fabio Fognini. Jannik è stato la sorpresa di Wimbledon – prima di allora non aveva mai vinto sull’erba e si credeva che le sue chance fossero pressoché nulle – mentre Musetti ha vinto il suo primo titolo Atp battendo Alcaraz ad Amburgo.

Ora che la precedente si è avverata, non resta che aspettare che si avveri anche la successiva. Perché già ieri, dall’alto del suo profilo Instagram, il ligure ha azzardato una nuova previsione: “Il primo di tanti” ha scritto Fognini in riferimento al successo di Musetti, di cui è grande amico e con il quale si è poi congratulato sui social con un ironico “Brava fava“. Uno sfottò che la dice lunga su quanto siano amici e su quanto saldo sia il loro legame. In barba all’età e al fatto che appartengano a due generazioni così lontane.