Berrettini ha un’altra chance: oggi è il giorno “X”

Berrettini può finalmente prendersi la sua rivincita: ecco perché domani sarà un giorno importantissimo e da non perdere.

Una durata complessiva di 12 giorni, 96 giocatori e un bottino ancor più ricco in palio. L’edizione 2023 degli Internazionali d’Italia non sarà speciale. Nel senso che sarà molto più che speciale. Sarà la prima in cui il torneo si “vestirà” da Masters 1000 e nulla più avrà da invidiare alle competizioni di Miami e Indian Wells.

Berrettini
Instagram

Si giocherà come sempre a maggio, ma niente come prima al Foro Italico. L’80esima edizione della competizione capitolina sarà speciale come non mai, ragion per cui è prevista un’affluenza maggiore rispetto a quella, già di per sé notevole, che è stata registrata negli anni precedenti.

Non è un caso che la Federazione Italiana Tennis abbia deciso di pigiare sull’acceleratore e di dare il via già da adesso alla prevendita. Il torneo di disputerà dal 10 al 21 maggio, ma sarà possibile acquistare i biglietti per assicurarsi un posto in tribuna già a partire da oggi, venerdì 15 luglio.

Berrettini e Sinner, prevendita già al via

Berrettini
Instagram

Le novità riguardano per il momento solo il tabellone maschile, mentre si sta ancora lavorando per fare in modo che anche il Wta 1000 di Roma duri altrettanto e non sia da meno in termini di spettacolarità. Di ragioni per fiondarsi sui biglietti, in ogni caso, ce ne sono diverse.

Nel 2022 Matteo Berrettini non ha potuto partecipare al torneo di casa sua perché la mano era ancora ko. L’anno prossimo, salvo intoppi – facciamo tutti gli scongiuri del caso, ovviamente – dovrebbe esserci e sarà sicuramente molto agguerrito e determinato a vincere nella sua città natale.

Meglio fare in fretta allora, così da essere certi di non perdere neanche la straordinaria opportunità di vedere Jannik Sinner e tutti gli altri italiani dal vivo. Ora che gli Internazionali d’Italia hanno raggiunto lo status di Masters 1000, affollare il Foro Italico e tributare i nostri eroi è davvero il minimo che si possa fare.