Gran Premio Austria, qualifiche falsate: cambia la griglia di partenza

Gran Premio Austria: qualifiche falsate. Ecco com’è cambiata la griglia di partenza per la Sprint Race in programma oggi pomeriggio

Oggi il Circus regalerà spettacolo: c’è in programma la Sprint Race, la seconda della stagione, al giro di boa, dopo quella che già i tifosi hanno vissuto in Italia, a Imola. Bene, direte voi. Sì, bene diciamo anche noi, visto che la gara per prendersi la prima posizione domani è sempre spettacolare. Ma nelle qualifiche di ieri è successo davvero di tutto, con una Q3 praticamente falsata visto che ha partecipato anche il secondo pilota della Red Bull, il messicano Sergio Perez, che non aveva diritto, a quanto pare e quanto confermato dalla Fia, a partecipare. E adesso vi spieghiamo quelli che sono i motivi.

Gran Premio Austria
Sergio Perez ©️LaPresse

Dopo la prima sessione infatti, il pilota Red Bull, è stato messo sotto investigazione per il superamento dei track limits in curva 10, nel suo ultimo giro lanciato durante il Q2. Le cose, però, sono andate in maniera diversa nel momento successivo rispetto alle altre volte: non è stato immediatamente cancellato il giro lanciato, ma è partita, come detto, l’investigazione. Da qui, il patatrack successivo.

Gran Premio Austria, cambia la griglia di partenza

Formula 1
Max Verstappen, partirà davanti a tutti nella Sprint Race di oggi ©LaPresse

Sì, patatrack, perché Perez ha comunque partecipato con la sua macchina alla terza fase delle prove, togliendo la possibilità così a Gasly di scendere in pista in quel momento, e poi, alla fine, è stato comunque penalizzato di 9 posizioni e oggi, nella Sprint Race, partirà dalla settima fila, alla tredicesima posizione. Non potendo così nemmeno cercare di “scortare” il leader del Mondiale e compagno di squadra Max Verstappen. Lui sì, scatterà davanti a tutti, ma dovrà guardarsi le spalle dalle due Ferrari staccate veramente di millesimi.

Il weekend, comunque, non è partito decisamente nel miglior modo possibile. Le polemiche sono subito scattate. E la tensione subito alle stelle. Bene per i tifosi, pronti comunque a godersi un enorme spettacolo.