Wimbledon, tabellone maschile: notizie e pronostici martedì 28 giugno

Wimbledon, continuano i primi turni: oggi tocca ai giocatori sorteggiati nella parte bassa del tabellone. Ecco i pronostici sui match più interessanti. 

La prima giornata di Wimbledon è già in archivio. O quasi, visto che – come da tradizione – prima la pioggia e poi il sopraggiungere dell’oscurità hanno reso necessario il rinvio di alcuni match. Nel frattempo i primi turni continuano e a Church Road è prevista un’altra carrellata di partite, nella speranza che non vi siano ulteriori interruzioni. È il gran giorno del debutto di Matteo Berrettini, vicecampione in carica e secondo i bookmaker l’unico che potrebbe insidiare i “mostri sacri” Djokovic e Nadal per la vittoria del titolo.

Wimbledon
©️Ansafoto

Il numero uno d’Italia non dovrebbe avere problemi, almeno sulla carta, contro il cileno Cristian Garin, che sull’erba è molto meno temibile rispetto alla terra. Non sorprenderebbe se il tennista romano riuscisse a sbrigare la pratica in tre set. Oggi tocca pure a Rafa, che tornerà a calcare i pregiati prati dell’All England Club dopo tre anni di assenza. Come per Berrettini, si profila un esordio comodo anche per Nadal, che affronterà il giovane argentino Francisco Cerundolo, in lieve crescita sul veloce ma la cui esperienza sul verde è davvero minima. Insomma, il maiorchino deve temere solo il fastidioso e ormai cronico dolore al piede, che però parrebbe attenuatosi.

L’Italia, intanto, farà il tifo anche per i due Lorenzo, Sonego e Musetti. Sorteggio tutt’altro che fortunato per il torinese e il carrarino: il primo se la vedrà con la bestia nera Denis Kudla, che l’ha battuto due volte negli ultimi tre mesi; il secondo invece con il big server Taylor Fritz, fresco di titolo sull’erba nel torneo di Eastbourne.

In campo anche Kyrgios e Tsitsipas

Wimbledon
Stefanos Tsitsipas ©️Ansafoto

Il terzo Slam stagionale, intanto, ieri ha perso un possibile protagonista: l’esperto Marin Cilic, costretto a ritirarsi perché positivo al Covid-19. Al suo posto, contro Mackenzie McDonald, giocherà il lucky loser Borges, ripescato dopo aver perso le qualificazioni. Tra i possibili vincenti annoveriamo due erbivori, anagraficamente molto distanti, come Sam Querrey e Jack Draper, che dovrebbero avere la meglio su Ricardas Berankis e Zizou Bergs. Esordio alla portata anche per Stefanos Tsitsipas, reduce dal primo titolo sui prati di Maiorca: lo svizzero Ritschard non lo metterà in difficoltà. Molto più incerte invece le sfide tra Felix Auger-Aliassime e Maxime Cressy e Denis Shapovalov e Arthur Rinderknech. Il canadese, ormai fisso in top ten, deve fare attenzione al serve and volley dello statunitense, che qualche giorno fa ha sfiorato il titolo ad Eastbourne.

Rischia anche il suo connazionale “Shapo”, sempre imprevedibile: il francese è un tennista ostico e potrebbe rivelarsi una possibile buccia di banana. Match da almeno quattro set invece quelli tra Paul Jubb e Nick Kyrgios e Holger Rune e Marcos Giron. L’estroso australiano la scorsa settimana si è ritirato da Maiorca per un infortunio e persistono dei dubbi sulle sue condizioni. Il giovane danese classe 2003 invece sull’erba ha dimostrato di essere ancora poco ferrato: non sarà una passeggiata con l’americano Giron.

Wimbledon, i possibili vincenti

Berrettini in Berrettini-Garin (in tre set)
Nadal in Cerundolo-Nadal (in tre set)
Draper in Bergs-Draper
Querrey in Querrey-Berankis
Auger-Aliassime in Auger-Aliassime-Cressy
Shapovalov in Shapovalov-Rinderknech
Fritz in Musetti-Fritz (in tre set)
Tsitsipas in Ritschard-Tsitsipas 

Wimbledon, i match da almeno quattro set

Jubb-Kyrgios
Kukushkin-Brooksby
Rune-Giron
Auger-Aliassime-Cressy
Shapovalov-Rinderknech
Sonego-Kudla