Wimbledon, aperta indagine della Wta: “Mai visti così tanti”

Wimbledon, aperta un’indagine della Wta: il commento è clamoroso: “Mai visti così tanti”. Ecco cosa sta succedendo 

La bomba l’ha lanciata il Telegraph, con una notizia esclusiva che potrebbe sicuramente stravolgere il mondo del tennis femminile. Secondo il quotidiano inglese, la Wta, avrebbe aperto un’inchiesta sui rapporti “non professionali e potenzialmente abusivi”, da parte di alcuni allenatori di “alto livello” nei confronti delle giocatrici. Insomma, potrebbe scoppiare un grosso scandalo. E il giornale sottolinea come la Wta nel corso degli anni abbia creato una figura ad hoc per gestire questo tipo di situazioni. Si chiama “direttore della tutela”, figura uscita fuori dopo le rivelazioni di Pam Shriver, giocatrice degli anni 80.

Wimbledon
©️LaPresse

Un tema assai delicato, e su questo non ci sono dubbi. Non si parla, a quanto pare, di veri e propri abusi, ma di una moda sempre più dilagante di fidanzamenti tra gli allenatori e gli atleti. In tutto questo è arrivato anche il commento di Vladimir Platenik, allenatore anche della recente semifinalista del Roland Garros Daria Kasatkina.

Wimbledon, cosa succede nella Wta

Wimbledon
©️Ansafoto

“Non ho mai visto così tanti allenatori fidanzati con le giocatrici come in questo momento storico – ha spiegato – Un po’ troppi per i miei gusti, sembra una tendenza.” E non solo, lo stesso pensiero ce l’ha anche Marc Lucero, un altro allenatore assai conosciuto e altrettanto apprezzato: “Alcune giocatrici sono ancora adolescenti, stanno maturando e alcune situazioni potrebbero creare dei traumi lunghi anni. C’è il rischio di un impatto psicologico importante.”

Poi c’è stato un altro tecnico che ha deciso di prendere la parola rilasciando una dichiarazione al quotidiano inglese. Anche se ha voluto rimanere anonimo: “E’ chiaro che un comportamento del genere è assolutamente sbagliato e questi allenatori dovrebbero essere banditi dal tour”. Senza giri di parole, servirebbe che la Wta prendesse dei provvedimenti.