Wimbledon, Nadal e quella prima volta senza: “Mi manca”

Wimbledon, Nadal è stato sorteggiato nella parte bassa del tabellone. Ma c’è la prima volta senza. Lo spagnolo: “Mi manca”

Rafa Nadal, fresco vincitore del Roland Garros, a Wimbledon è stato sorteggiato nella parte bassa del tabellone, la stessa di Matteo Berrettini. Uno scontro tra i due però non ci potrà essere prima di un’eventuale semifinale. Esordio privo di insidie per lo spagnolo che se la dovrà vedere con l’argentino Cerundolo.

Wimbledon
Rafa Nadal ©️LaPresse

Nadal, a Wimbledon, la prima volta ci ha giocato nel 2003. E il sorteggio benevolo gli ha permesso di tornare indietro nel tempo e rimescolare la mente per cercare quei ricordi importanti: “Ero venuto l’anno prima ma come Juniores. Non avevo particolari ambizioni e né mi ero chiesto se questo torneo lo avrei potuto vincere. Il mio obiettivo allora era quello di migliorarmi in questa superficie”. Poi, Wimbledon, lui l’ha vinto due volte (nel 2008 e nel 2010) raggiungendo poi per altre tre volte la finale. Ma quest’anno sarà diverso dal solito. Per la prima volta, dal 1998, mancherà sul prato inglese Roger Federer.

Wimbledon, Nadal senza giri di parole su Federer

Tennis
©️LaPresse

Sì, dopo più di vent’anni ininterrotti, lo svizzero non ci sarà quest’anno. “Abbiamo condiviso tantissimi momenti importanti per entrambi. Abbiamo giocato contro in tutti gli stadi più importanti ad eccezione di New York. Mi dispiace non esserci riuscito, ma allo stesso tempo so che la nostra rivalità mi ha aiutato tantissimo a crescere e migliorare, trovando sempre nuove motivazioni”. Insomma, Re Roger manca non solo ai tifosi ma anche anche agli avversari, che nel corso di questi anni lo hanno affrontato cercando in tutti i modi di batterlo, di metterlo alle corde. Qualcuno c’è riuscito, ma solamente in rarissime occasioni che sono praticamente delle eccezioni. Federer rimane uno dei più amati, non solo dai fan del tennis ma anche da parte dei colleghi per quella sua eleganza non solo in campo ma anche fuori. La fine di un’era.