Sinner, il bicchiere è mezzo pieno: la conferma che aspettavamo

Sinner, non erano pochi i dubbi sulla tenuta fisica del giovane tennista azzurro dopo l’infortunio al ginocchio. 

L’esordio di Jannik Sinner nella stagione su erba è stato quasi completamente da dimenticare. Certo, le avvisaglie di un’eliminazione al primo turno dal torneo di Eastbourne, malgrado la fiducia accordatagli dai bookmaker, c’erano tutte.

Sinner
©️Ansafoto

L’altoatesino veniva da tre settimane di stop per via dell’infortunio al ginocchio che l’aveva costretto a ritirarsi anzitempo dal Roland Garros, con un tabellone mai così favorevole come quest’anno. Ieri pomeriggio, nel match contro lo statunitense Tommy Paul, era evidente che il giovane tennista azzurro avesse ancora tanta ruggine da smaltire. E che la decisione di ripartire da Eastbourne era dettata proprio dalla necessità di riacquisire il ritmo partita nel più breve tempo possibile. Lunedì prossimo parte Wimbledon e Sinner dovrà farsi trovare pronto. C’è da migliorare il risultato dello scorso anno, quando si arrese al primo turno all’ungherese Fucsovics. Con l’erba il rapporto è da sempre problematico: l’auspicio è che tra una settimana il numero tredici del ranking Atp possa festeggiare la sua prima vittoria sul verde da quando fa presenza fissa nel circuito maggiore.

Sinner, il ginocchio non ha dato altri problemi

Sinner
©LaPresse

Il tempo, in ogni caso, è dalla sua parte. Sinner non ha ancora compiuto ventuno anni e non potrà che crescere anche sull’erba. A patto, ovviamente, che riesca a migliora alcuni fondamentali, indispensabili per fare bene sul verde. La battuta, ad esempio, ancora troppo poco efficace. Oppure il gioco a rete, che l’azzurro esplora ancora molto poco. Tuttavia si può guardare il bicchiere mezzo pieno in vista degli imminenti Championships. Già, perché si può dire che nel match con Paul, durato poco più di due ore, il ginocchio ha retto. Sinner non ha avvertito dolore, ha giocato senza la fasciatura e si è lasciato andare anche a qualche scivolata spericolata. Segno che fisicamente è di nuovo a posto.