Tennis, arriva la polizia: l’allenamento “a luci rosse” allarma il quartiere

Tennis, l’allenamento troppo “intenso” mette in subbuglio un quartiere intero: cosa è successo e perché è stata chiamata la polizia.

Giocare sull’erba? Tze. A Dominic Thiem la stagione sul verde non interessava neanche un po’. Tanto che ha deciso, in assoluta tranquillità, di rinunciare ai prati dell’Europa e di rimandare il rientro in campo al mese di luglio. Ha preferito optare per un Challenger, più precisamente per quello in programma a Salisburgo tra poco più di due settimane.

Tennis
©LaPresse

E così, mentre tutti i top player saranno impegnati a Wimbledon per il terzo Slam della stagione, lui farà tappa nella ridente città che ha dato i natali a Mozart per partecipare ad un torneo del circuito minore. Scelta forse discutibile, quella dell’austriaco, ma non è questo il punto.

Il fatto è che, al di là dell’importanza della competizione che avrà inizio il 3 luglio prossimo, Thiem si sta allenando con la stessa grinta che avrebbe richiesto uno Slam. O addirittura con ancor più veemenza, considerando che il siparietto di cui si è reso protagonista qualche ora fa ha dell’incredibile.

Tennis, allenamento o film a luci rosse?

Tennis
Thiem ©LaPresse

Dominic si stava allenando in tutta tranquillità all’accademia dell’Austrian Tennis Committee, a Traiskirchen, ma deve aver inconsapevolmente – o forse no? – esagerato un po’, dal momento che ha letteralmente seminato il panico nel quartiere che ospita la struttura.

Pare che il tennista gemesse così tanto per lo sforzo (come fa spesso in campo la nostra Martina Trevisan, che per questo motivo viene spesso redarguita) da aver generato, infatti, un vero e proprio qui pro quo. I residenti della zona, come racconta Ubitennis, avrebbero addirittura chiamato la polizia per denunciare un atto di disturbo della quiete pubblica. Non sapevano però che quelle urla provenissero da un atleta intento ad allenarsi in vista del suo ormai imminente rientro in campo.

Credevano che quei gridolini e quei rumori molesti, pare peraltro molto intensi, fossero indicativi del fatto che da quelle parti qualche coppia si stesse dedicando a “certe” attività. Il quotidiano austriaco Kurier riferisce addirittura che si era pensato, ad un certo punto, che fossero in corso le riprese per un film a luci rosse. Invece no. Era “solo” Thiem che si allenava a torso nudo per il Challenger di Salisburgo.