Musetti, dedica misteriosa e messaggi no-stop: la confessione del tennista

Musetti, la dedica a fine partita non è passata inosservata. Ecco con chi messaggia tutto il giorno il tennista carrarino.

Lorenzo Musetti è così. Un giorno si fa battere dal primo che passa, quello dopo ti fa toccare il cielo con un dito. E il cielo che ci ha fatto toccare stavolta è quello della splendida Montecarlo, dove non c’era neppure una nuvola, ieri, a spezzare l’incanto di quell’azzurro che era un tutt’uno col mare.

Musetti
©️LaPresse

Dal Campo dei Principi ne è uscito da re. Ha sferrato un rovescio lungolinea dopo l’altro con maestria e precisione, deliziando il pubblico con una vera e propria playlist di colpi da campione. Mantenendo, sempre e comunque, una calma e una pazienza che a volte sembrano inspiegabilmente mancargli.

«Sto cercando di mettere ordine al mio gioco – ha detto alla Gazzetta dello Sport dopo aver battuto Felix Auger-Aliassime – ma soprattutto sono stato maturo. A Marrakech, la settimana scorsa, ho tenuto un atteggiamento che non mi appartiene. Questo invece sono io, stavolta ho messo davvero insieme la partita perfetta”.

Musetti vince per Testina: cosa bolle in pentola?

Musetti
Twitter

E la partita perfetta, come la etichetta lui, si è conclusa con una dedica misteriosa che non è passata inosservata. Sulla telecamera, nel bel mezzo dei festeggiamenti, Musetti ha scritto la parola “Testina“, seguita a ruota da un cuore rosso che non lascia spazio ad interpretazioni.

Qualcuno ha rubato il cuore del tennista carrarino? Probabile. Ma nessuna nuova fiamma, presunta o reale che sia, potrà mai eclissare i suoi amici. Lorenzo, come riferisce la Gazzetta dello Sport, è costantemente in contatto con i suoi quattro amici d’infanzia sul gruppo WhatsApp il cui nome, “L’allegra combriccola“, è tutto un programma.

Si scrivono di continuo e pare che loro seguano le gesta del tennista perfino quando sono all’Università: «È bella questa vicinanza anche se siamo lontani – ha detto Musetti al quotidiano sportivo – è una delle ragioni che mi rende più orgoglioso quando ottengo buoni risultati». E chissà se in quel gruppo, prima o poi, ci sarà spazio anche per Testina.