Berrettini, San Valentino senza Ajla | In Brasile con l’amore più grande

Berrettini andrà a Rio de Janeiro con un’altra donna: ecco in compagnia di chi trascorrerà la festa degli innamorati. 

Da Rotterdam a Santiago del Cile, passando per Dallas e Acapulco, il mese di febbraio è pieno zeppo di appuntamenti e Atp. La stagione della terra rossa è ormai entrata nel vivo e ogni tennista si è visto costretto, per forza di cose, ad operare una “scrematura” tra le varie date disponibili.

Berrettini
©️LaPresse

Jannik Sinner, che ha dovuto saltare il torneo nei Paesi Bassi per via del Covid, sarà a Dubai. Matteo Berrettini ha invece preferito il 500 di Rio de Janeiro. Non tanto per una questione logistica quanto, piuttosto, per ragioni squisitamente affettive.

Il Brasile gli è particolarmente caro perché legato a doppio filo a una delle persone più importanti della sua vita. Persona con la quale, peraltro, ha deciso di trascorrere il San Valentino, “abbandonando” Ajla che nel giorno della festa degli innamorati si troverà invece in Qatar.

Leggi anche: Sinner non ci sta | La reazione è immediata

Berrettini in viaggio con nonna Lucia

Berrettini
©️LaPresse

Il cuore di Berrettini batte per la terra del samba perché è lì, ai piedi del Corcovado, che è nata la mitica nonna Lucia. Il bel tennista romano parla spesso di lei e dell’amore sconfinato che li lega. E tante volte, anche di recente, ha divertito i suoi fan raccontando aneddoti che la riguardano e che raccontano quanto lei sia fiera del suo nipotino.

E così, con Ajla al capo opposto del pianeta, Matteo il suo San Valentino lo trascorrerà con una donna che ama allo stesso modo. Nonna Lucia, se le norme anti-Covid glielo permetteranno, partirà infatti alla volta del Brasile insieme al numero sei del mondo.

Potrà così vederlo giocare dal vivo nell’ambito dell’Atp 500 al quale si è iscritto, ma non solo. Certamente ne approfitterà per far tappa nei luoghi che le sono più cari, essendo nata e cresciuta non troppo distante da Rio de Janeiro. E godersi, con la scusa, la compagnia del suo Matteo, che nel frattempo s’è fatto grande ed è diventato un campione.