Berrettini, la Francia era solo un “assaggio”: il tennista fa il bis

Berrettini
Instagram

Berrettini infila un altro successo dopo il riconoscimento già ottenuto a dicembre dai francesi: ecco di cosa si tratta. 

Matteo Berrettini non è più “solo” il tennista numero 1 d’Italia. Il campione romano ha già da tempo valicato i confini dello sport ed esplorato nuovi universi. Lo dimostra il fatto che mai nessun collega, prima d’ora, abbia indossato in campo il brand di cui è ambassador dal primo giorno del 2022.

Leggi anche: Berrettini orgoglio italiano: in Francia lo celebrano così

La partnership con Hugo Boss ci aveva fatto ampiamente capire quale direzione, parallela ovviamente alla sua carriera, il giocatore 25enne avesse intenzione di prendere. Il mondo della moda gli piace e gli calza a pennello, tant’è che in collaborazione con lo storico marchio lancerà anche una capsule collection tutta sua.

Con quel fisico da modello e il fascino mediterraneo che ha spezzato più e più cuori, d’altro canto, c’era da aspettarselo. E non ci stupisce affatto neanche che un altro magazine abbia deciso di dedicare proprio a lui la cover di un’edizione speciale.

Berrettini, un tennista da prima pagina

Berrettini
Instagram

A metà dicembre, Matteo Berrettini era già finito sulla copertina di L’Équipe, il giornale sportivo fondato da Jacques Goddet nel 1946. La Francia aveva voluto celebrare così, nel più bello dei modi, l’anno straordinario degli sportivi azzurri. Ma quello, a quanto pare, non era che l’inizio.

Anche Icon ha ritenuto che il numero 7 del ranking Atp fosse il soggetto perfetto per una prima pagina d’effetto. Qui non si celebra il suo talento tennistico, che resta comunque il motivo per cui è tanto famoso in tutto il mondo, ma un altro aspetto ormai divenuto parte integrante della sua immagine.

Il motivo per cui è stato scelto, insieme ad altri 5 personaggi, per la cover di Icon, è il suo stile. Il numero su cui Berrettini è comparso ruota attorno al Made in Italy e alla raffinata eleganza dell’uomo italiano, motivo per il quale non c’era davvero nessuno che, meglio di Matteo, potesse incarnarne lo spirito.