Liga, comunicato ufficiale: rinviate due partite del weekend

Tebas
Tebas, presidente della Liga ©Getty Images

Liga, comunicato ufficiale: le qualificazioni ai Mondiali fanno slittare due partite. C’è il rinvio, come preannunciato qualche giorno fa

La Liga ha fatto il passo che forse anche qualche altra Lega avrebbe potuto fare in questo fine settimana, visto che saranno molti i calciatori che rientreranno nei proprio club solamente a poche ore dall’inizio delle partite di campionato. E, molti, nemmeno in panchina andranno, perché impossibile giocare una quarta partita – dopo le tre disputate dall’altra parte del Mondo – dopo un viaggio lungo e stancante. Se in Italia, a quanto sembra, alcuni club hanno deciso di mettersi in proprio (vedi Napoli e Juventus) per far tornare il prima possibile, in questo caso, Ospina e Cuadrado, in Spagna la situazione è stata presa di petto da Tebas. Che ha deciso per lo stop.

Oltre a modificare infatti gli orari di diverse partite che erano in programma nel prossimo weekend, la Liga ha ufficialmente annunciato che Siviglia-Barcellona e Villarreal-Alaves non si disputeranno.

LEGGI ANCHE: Bosnia-Kazakistan, qualificazioni Mondiali 2022: formazioni e pronostici

LEGGI ANCHE: Bielorussia-Belgio, qualificazioni Mondiali 2022: pronostici

Liga, comunicazione ufficiale: non si gioca nel weekend

Koeman, non giocherà con il suo Barcellona ©️Getty Images

Le quattro squadre staranno a guardare. E cercheranno una data in comune per riuscire a riprogrammare il match rinviato appunto perché moltissimi calciatori non avrebbero fatto in tempo a rientrare. E allora si è deciso di fare così, e Tebas, presidente della Liga, ha anche modificato il regolamento del massimo campionato spagnolo perché prima d’ora non era possibile rinviare una gara appunto per questo. Si vuole salvare il prodotto, e per farlo servono anche queste misure sicuramente impopolari.

Il problema comunque rimane. Perché con un calendario completamente oberato di impegni, sarà difficilissimo piazzare una data per il recupero. Anche se, poi alla fine, meglio così. Un impegno in più, con qualche giorno di riposo in più, ci può anche stare.