Calciomercato Juventus, continua la linea verde | Poker di nomi per il 2022

Calciomercato Juventus
Massimiliano Allegri ©Getty Images

Calciomercato Juventus, continua la linea verde della società bianconera. Poker di nomi per il prossimo anno. Ecco chi sono

Linea verde sia. Anche per il prossimo anno. La Juventus è in quella fase di rivoluzione. Una rosa che deve essere sicuramente rimodellata a immagine e somiglianza di Massimiliano Allegri. Che ha sposato il progetto bianconero per i prossimi quattro anni. E che ha deciso di abbracciare, in toto, anche i programmi societari che vanno in un’unica direzione: quella di prendere i migliori ragazzi in circolazione, non solo in Italia, che possono dare lustro per il futuro.

Le mosse di Kean, di Locatelli, di Kaio Jorge, sono da leggere sicuramente in questo modo. E a queste operazioni si vanno ad aggiungere i quattro nomi che TuttoSport fa questa mattina e che vedono Cherubini puntare a dei ragazzi che già hanno esperienza, perché sono titolari nelle varie società di appartenenza e che hanno già debuttato in nazionale. Il meglio, quindi.

LEGGI ANCHE: Galles-Estonia, qualificazioni Mondiali 2022: pronostici

Calciomercato Juventus, ecco i nomi per il futuro

Irlanda-Serbia
Vlahovic ©️Getty Images

Partiamo dalla Serie A: ci sono Vlahovic e Raspadori, due attaccanti che stanno facendo bene, e molto, con le maglie di Fiorentina e Sassuolo. Entrambi, già quest’anno, erano entrati nei radar della società bianconera. E lì sono rimasti. Si proverà a fare un affondo il prossimo anno. Quello decisivo, ovviamente. Perché questi elementi, se si vuole costruire una formazione che guarda al futuro, non si possono sicuramente lasciare andar via a cuor leggero.

Poi si guarda anche in Olanda e in Francia. Ci sono Gravenberch dell’Ajax e Kamara del Marsiglia sul taccuino di Cherubini. Altri due che potrebbero scatenare un’asta europea con i costi dei cartellini che potrebbero lievitare in breve tempo. Ed ecco perché sarà importante riuscire a muoversi in anticipo. Per bruciare la concorrenza. E anche far bruciare le tappe a questi ragazzi in odore di un cambio importante nella propria carriera.