Green Pass per le scommesse: se fai questo rischi grosso

Green Pass
©Getty Images

Green Pass obbligatorio in alcune attività da domani. Ecco cosa succederà a chi trasgredisce la legge nelle sale scommesse, giochi, bingo e casinò. 

Il 6 agosto è arrivato. E, da domani, entrerà ufficialmente in vigore il decreto legge che sancisce in maniera inderogabile l’obbligo di esibire il Green Pass al momento di accedere ad alcune attività. Sarà necessario per entrare nei ristoranti, ma non solo: lo sarà anche all’interno dei sale giochi, sale scommesse, bingo e casinò.

Leggi anche: Green Pass per le scommesse: cosa succede nei corner e negli esercizi generalisti

Non sarà possibile entrare in queste attività, dunque, se sprovvisti della certificazione verde che attesta la guarigione dal Covid, il completamento del ciclo vaccinale o il fatto che si sia sottoposti a tampone nelle 48 ore precedenti.

Ma cosa rischiano esercenti e clienti che cercano di aggirare il decreto? Sono previste, per i trasgressori, delle multe piuttosto salate che variano in funzione del ruolo svolto da colui il quale viene beccato in flagrante. Rischia si chi non provvede ad effettuare i controlli in fase di accesso, che chi entra senza possedere il Green Pass.

Green Pass per le scommesse: multe per chi trasgredisce

Green Pass
©Getty Images

Per il cliente che varca la soglia di una sala scommesse, bingo, sala giochi o casinò senza la certificazione verde è prevista una multa che va da un minimo di 400 ad un massimo di 1000 euro. Stessa cifra per l’esercente, che va però incontro ad un rischio ulteriore.

Qualora trasgredisse al decreto per 3 volte, in 3 giorni diversi, la sua attività potrebbe essere chiusa. Naturalmente, sono previste delle sanzioni piuttosto pesanti anche per i furbetti: coloro i quali, cioè, pensano di farla franca falsificando il Green Pass. Ed è in questo senso che sarà necessario che i controlli siano il più meticolosi possibile.

I titolari di sale scommesse, sale giochi, bingo e casinò dovranno verificare la veridicità della certificazione verde tramite l’app VerificaC19. Dovranno inquadrare il QR code e incrociarne i dati con i documenti d’identità che il cliente sarà tenuto a fornire.