Valentina Caruso e quella passione dichiarata per una stella della Nazionale

Valentina Caruso
(Instagram)

Valentina Caruso, la bellissima giornalista di Sky Sport svela uno dei suoi segreti: ecco quale campione c’è nei suoi sogni. 

Sa il fatto suo, Valentina Caruso. In tasca ha una laurea in Archeologia, ma a ben vedere gliene spetterebbe una ad honorem anche in discipline “calcistiche”. Perché se c’è qualcosa in cui è ferrata, al di là di scavi e reperti, quello è senz’altro lo sport più seguito al mondo.

Leggi anche: Verstappen contro Hamilton, la sfida social tra compagne emana il verdetto

La giornalista di Sky Sport nutre nei confronti del calcio un vero e proprio amore. Lo dimostra il fatto che non si limiti a “parlarne” in tv, ma che lo abbia addirittura praticato in prima persona. Sì, prima di approdare sul piccolo schermo, la Caruso giocava a pallone. Per la gioia della sua mamma, tifosissima anche lei.

La strada che ha finito con il condurla a Sky non è stata in discesa. Ha fatto tanta gavetta, la bella Valentina, prima di coronare il suo sogno. Ha lavorato per la carta stampata, innanzitutto, forgiando le sue abilità giornalistica e sviluppando una passione sempre più grande per lo sport.

Valentina Caruso è indecisa tra Chiellini e Djokovic

Valentina Caruso
(Instagram)

Passione che coltiva, al di là del tifo e dei suoi impegni professionali, ogni giorno. La giornalista di Sky Sport, infatti, ama allenarsi correttamente e costantemente. Come ha raccontato alla Gazzetta dello Sport, lo fa per almeno 4 volte a settimana, cimentandosi nelle discipline più disparate.

Le piace correre, ma anche andare in bici. Non disdegna i pesi ma va matta, ha ammesso, per il sup. E poi adora tutto quello che è possibile fare all’aria aperta. Poco importa se si tratti di attività individuali o di squadra. Ha una predilezione, però, per l’escursionismo e per gli sport acquatici.

Quando Gazzetta le chiede con quale atleta vorrebbe allenarsi, Valentina Caruso risponde Chiellini. Per poi aggiungere che non le dispiacerebbe farlo anche con Djokovic, in maniera tale da carpire i segreti della sua preparazione, sia fisica che mentale.