Italia-Inghilterra, le pagelle che hanno fatto infuriare Alessandro Cattelan

Cattelan
Alessandro Cattelan ©️Getty Images

Italia-Inghilterra, il conduttore televisivo furioso con un giornalista del Corriere della Sera. Ecco cosa scrive nella sua Instagram Stories.

Alessandro Cattelan non ha gradito le pagelle del Corriere della Sera su Italia-Inghilterra. Noto per la sua passione smisurata per il calcio – l’ha anche giocato e vanta persino una presenza nei preliminari di Champions League con i sammarinesi de La Fiorita – il conduttore televisivo non ha usato mezzi termini in una delle sue tante Instagram Stories.

Ha pubblicato uno screenshot dell’articolo a firma di Paolo Tomaselli, l’inviato del Corsera da Londra, ed ha pensato bene di corredarlo con un’affermazione abbastanza eloquente. “Madonna che disagio – ha scritto Cattelan – Ma questa roba cos’è? Giornalismo? Follia”. Un attacco frontale, insomma. Con tanto di frasi “incriminate” evidenziate in giallo. Ma cosa è stato ad infastidire maggiormente uno dei più amati e più seguiti personaggi del mondo dello spettacolo?

Cattelan
Instagram https://www.instagram.com/alecattelan/

Leggi anche: Calciomercato Juventus, è “fatta” per il centrocampista | Lo prende Chiellini

Italia-Inghilterra, cosa dicono le pagelle finite nel mirino di Cattelan

Nel mirino di Alessandro Cattelan sono finiti i giudizi, forse un po’ troppo severi, su alcuni calciatori dell’Inghilterra. Maguire, Trippier e Phillips, per l’esattezza. Giudizi che travalicano l’ambito prettamente sportivo e tirano in ballo episodi extracalcistici in cui recentemente sono stati coinvolti i tre inglesi. A proposito di Maguire, ad esempio, viene menzionata la condanna a 21 mesi per aggressione inflitta al difensore del Manchester United, che ora dovrà difendersi in appello.

Parlando di Trippier, invece, Tomaselli fa riferimento alla multa di 80mila euro – oltre a 10 turni di stop – che dovrà pagare per aver scommesso sul suo passaggio dal Tottenham all’Atletico Madrid. Ed infine, al momento di analizzare la gara del mediano Phillips, di proprietà del Leeds, non ha potuto fare a meno di ricordare i problemi di suo padre con la giustizia (attualmente sta scontando la pena in carcere). Particolari che in effetti ci azzeccano poco con la finale. Eccessivamente “cattivelli” e fuori luogo a giudizio di Cattelan. Che non è stato tenero con la penna di uno dei quotidiani italiani più autorevoli.