Calciomercato Roma e Torino, Kluivert e Nzonzi per arrivare a Belotti

Calciomercato Roma e Torino
Belotti (getty)

Calciomercato Roma e Torino, due calciatori giallorossi per arrivare a Belotti. Ecco le idee di Tiago Pinto per prendere la punta granata

La Roma è alla ricerca di un attaccante. Il Torino non vuole perdere Belotti e parametro zero. La trattativa è avviata, ma la prima offerta presentata da Tiago Pinto non ha convinto Cairo: troppo pochi i 15 milioni di euro che il general manager giallorosso ha proposto al patron granata per strappare l’attaccante che va in scadenza di contratto. Un’offerta ritenuta “provocatoria”. Ma ci sono delle importanti novità che potrebbero accelerare l’operazione.

Che riguardano la Roma, soprattutto, che oltre alle operazioni in entrata, deve pensare anche a quelle in uscita: molti ritorneranno dai prestiti. Olsen dall’Everton, Florenzi dal Psg, Kluivert dal Lipsia e Nzonzi dal Rennes. Ma potrebbero essere gli ultimi due i finanziatori del Gallo. Anche perché, i due club, sembrano disposti a riscattarli.

LEGGI ANCHE: Serie A, il giallo sulle partite in TV | Marcia indietro della Lega

Calciomercato Roma e Torino, tutto per Belotti

Mourinho (getty)

Allora: per Belotti, a 25 milioni di euro, si può chiudere. Questa è la cifra che Cairo vuole, abbassando un po’ la richiesta iniziale di 30. E dove li prende Pinto tutti questi soldi? Ecco il calcolo che s’è fatto il portoghese. Per Kluivert il Lipsia deve versare 18 milioni (rispedita al mittente la prima offerta di 12), per Nzonzi, il Rennes, ne deve pagare 7: che è l’impatto economico che il francese ha sul bilancio giallorosso. Ecco, in questo modo, e senza bisogno di calcolatrice, si arriva a quella cifra che il presidente del Torino ritiene congrua per cedere il proprio capitano.

Più di così non si può. E’ evidente. Anche perché come detto Belotti, qualora rimanesse al Torino (controvoglia, ha già detto sì a Mourinho), sarebbe libero dal prossimo gennaio di trovarsi una nuova sistemazione. Rimane pur sempre un capitale per il Torino, che in un momento così difficile sotto l’aspetto economico, non può in nessun modo rischiare di non far entrare nulla nelle casse granata.