Serie A, diritti tv: Sky fuori gioco, spunta la partita in chiaro

Serie A
(Pixabay)

Serie A, assegnare il secondo pacchetto dei diritti tv si è rivelato più complicato del previsto. Ma il bando potrebbe cambiare: ecco come.

L’assegnazione del pacchetto 2 dei diritti tv della Serie A ha finito con lo scatenare un vero e proprio braccio di ferro. Da una parte c’è l’assemblea della Lega, dall’altra c’è Sky. Che, come noto, ha perso il “primato” per quanto riguarda le partite relative alla massima serie italiana.

Leggi anche: Atleti più pagati del 2020: spunta una sorpresa in cima alla top ten di Forbes

Ma che cosa sta succedendo sul fronte del pacchetto che non è ancora stato assegnato? I presidenti delle formazioni di serie A hanno stabilito, durante un recente incontro, di non voler prendere neanche in considerazione la proposta di Sky. Questo perché, come ricorderete, il gruppo di Santa Giulia, dopo l’assegnazione dei diritti tv, non se n’era rimasta con le mani in mano.

Aveva bensì presentato ricorso contro la decisione di assegnarli alla streaming tv Dazn in vista del prossimo triennio. Da qui, la decisione dell’assemblea della Lega di ignorare la sua offerta. A meno che, s’intende, Sky non decida di fare dietrofront e di rinunciare agli atti processuali.

Serie A, ecco come potrebbe cambiare il bando

Dazn
(Getty Images)

Nulla, nel frattempo, sembra muoversi, ragion per cui è probabile che l’incontro in programma per oggi si concluda non un nulla di fatto. L’offerta per il pacchetto 2 presentata da Sky, tra l’altro, è valida fino alla mezzanotte di oggi. Cosa succederà, quindi, nel caso in cui il colosso non dovesse fare il passo indietro auspicato dalla Lega?

Accadrà, presumibilmente, che i diritti tv del secondo pacchetto resteranno, ancora una volta, non assegnati. A questo punto, però, il bando potrebbe essere riformulato. Il che comporterebbe, secondo le ipotesi, che una delle tre partite che ne fanno parte, quella in programma per il lunedì sera, potrebbe essere trasmessa in chiaro.

Va da sé che, in tal caso, Mediaset tornerebbe in gara, dal momento che si era detta interessata ad usufruire dell’opzione in chiaro. La seconda opzione prevede, invece, che nel pacchetto convergano gli highlights dei 7 incontri, per dare a Sky la possibilità, qualora lo desideri, di realizzazione eventuali trasmissioni di approfondimento. Ad ogni modo, per cambiare il bando serviranno necessariamente gli ok di tutte e 12 le società.