Valencia e DC Comics litigano sul logo di Batman

A ottobre scorso la casa editrice statunitense DC Comics, principalmente nota per i prodotti legati ai supereroi Superman e Batman, ha presentato una richiesta di inibizione contro la squadra di calcio del Valencia all’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO). La contestazione riguarda il logo prodotto dal Valencia per la celebrazione del centenario del club, che sarebbe secondo DC una sorta di riproduzione del logo storico di Batman. L’EUIPO è l’agenzia che si occupa della regolazione del mercato riguardo alla gestione dei marchi industriali all’interno dell’Unione europea. La contestazione è consultabile in versione pdf.

Diversi siti di news spagnoli hanno ripreso questa storia e se ne stanno occupando soltanto ora perché il logo scelto dal Valencia è circolato parecchio nei giorni scorsi. Lunedì si è svolta gran parte delle celebrazioni previste per il centenario, con un lungo corteo per le strade della città. C’erano ex giocatori e personaggi celebri nella storia del Valencia, da Ricardo Arias a Mario Kempes. Il logo del centenario, per esempio, era stampato sulle bandierine preparate dal club per le migliaia di tifosi e appassionati presenti ai lati del percorso del corteo.

La disputa tra la DC Comics e il Valencia sul logo va avanti da diversi anni. Già nel 2014 il Valencia, durante un tentativo di registrare lo stemma della squadra come marchio, rese noto di aver subìto ostruzionismo da parte della DC. Il logo di Batman della DC Comics risale al 1939, anno della prima pubblicazione con il personaggio protagonista della futura serie a fumetti. Il Valencia ha sul proprio stemma l’immagine di un pipistrello nero stilizzato fin dall’anno di nascita della società, nel 1919. In sostanza prese lo stemma della città, che ha da sempre il simbolo di un pipistrello, e aggiunse l’immagine di un pallone e le iniziali CV (Club de fútbol de Valencia).

Tra le varie ipotesi formulate per spiegare la presenza del pipistrello sullo stemma della città di Valencia alcune fanno riferimento alla cospicua presenza di chirotteri in tutta l’area geografica. Un’altra teoria si rifà alla leggenda secondo la quale un pipistrello volò sulla bandiera sorretta da Giacomo I d’Aragona, quando nel 1238 fece ingresso nella città e la riconquistò sconfiggendo i Mori.

“Quando questa squadra giocava con un pipistrello sul petto, negli Stati Uniti andavano ancora a cacci di bisonti”, ha detto un portavoce del Valencia. Tramite lui la società ha fatto sapere che non smetterà di usare lo stemma del pipistrello “soltanto perché lo dice la DC Comics”.

La contestazione avanzata dalla DC Comics al momento non ha generato provvedimenti di inibizione o restrizione. A gennaio scorso l’EUIPO ha scritto sia al Valencia che alla DC fissando e mettendo a disposizione delle due parti un tempo di ventidue mesi per provare a trovare un accordo. In questo lasso di tempo il Valencia potrà continuare a usare il logo celebrativo.