Roma-Sassuolo, Spal-Udinese e Torino-Empoli, Serie A (mercoledì)

Serie A
Serie A

Roma-Sassuolo, Spal-Udinese e Torino-Empoli sono altre tre partite di Serie A che si giocheranno questo mercoledì alle 18.00: le probabili formazioni, le cose da sapere e i pronostici.

ROMA – SASSUOLO | mercoledì ore 18:00

Eusebio Di Francesco sfida il suo passato e anche il figlio Federico per provare a salvare il suo ruolo di allenatore della Roma, messo in discussione dopo un girone di andata al di sotto delle aspettative. Le colpe del pessimo andamento della Roma in campionato non sono totalmente da attribuire all’allenatore ma anche a molte scelte sbagliate fatte dal direttore sportivo Monchi in sede di calciomercato. In estate sono stati ingaggiati molti calciatori non in grado di rendere al meglio nel 4-3-3 tipico di Di Francesco, che ha così dovuto cambiare modulo di gioco passando al 4-2-3-1. Alcuni calciatori poi sono stati dei flop, vedi il difensore Marcano e l’ex Palermo e Psg Pastore. A questi problemi si sono aggiunti lo scarso rendimento di Fazio, mai ai livelli dello scorso anno, e i tanti infortuni che ultimamente hanno colpito anche El Shaarawy e Dzeko che sono però recuperati per questa partita.

Dall’altra parte invece il Sassuolo sembra avere trovato dopo una stagione negativa l’erede di Eusebio Di Francesco. Con Roberto De Zerbi come allenatore i risultati sono stati finora ottimi e i problemi dello scorso anno sono un lontano ricordo. I 25 punti fatti in queste prime 17 partite di campionato rappresentano un record per il Sassuolo fatta eccezione per la stagione 2015/16 in cui ne totalizzò 28. Si tratta invece di un vero e proprio record del club per quanto riguarda i punti fatti in trasferta, undici nelle prime otto partite.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore della Roma Eusebio Di Francesco confermerà l’ormai consueto 4-2-3-1 e spera di potere promuovere a titolari Perotti e Dzeko che ai rientri dai rispettivi infortuni non sono ancora al top. In difesa davanti al portiere Olsen, con Florenzi, Manolas e Kolarov la novità potrebbe essere Juan Jesus al posto di Fazio. A centrocampo ancora una volta i titolari saranno Cristante e Nzonzi dal momento che De Rossi e Lorenzo Pellegrini sono infortunati. Diventato ormai titolare fisso, Zaniolo dovrebbe essere preferito ancora una volta a Pastore che pure ormai ha pienamente recuperato dall’infortunio. A completare l’attacco sarà Cengiz Under, con El Shaarawy che al rientro tra i convocati potrebbe trovare spazio nel secondo tempo.

Dall’altra parte l’allenatore del Sassuolo De Zerbi potrebbe optare per un 3-5-2 con Consigli in porta, Marlon, Magnani e Ferrari in difesa, Lirola, Bourabia, Sensi, Locatelli e Di Francesco a centrocampo e Berardi con Babacar in attacco. Fuori per infortunio Duncan e Boateng mentre Rogerio è squalificato.

Il pronostico

Le partite tra Roma e Sassuolo all’Olimpico sono sempre state divertenti con tutte e due le squadre sempre a segno, potrebbe andare così anche stavolta visto che la squadra allenata da Di Francesco ha subito gol in tutte le ultime nove partite di campionato e continua ad avere seri problemi in fase di non possesso palla.

Le probabili formazioni di Roma-Sassuolo

ROMA (4-2-3-1): Olsen; Florenzi, Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Cristante, Nzonzi; Under, Zaniolo, Perotti; Dzeko.
SASSUOLO (3-5-2): Consigli; Marlon, Magnani, Ferrari; Lirola, Bourabia, Sensi, Locatelli, Di Francesco; Berardi, Babacar.

PROBABILE RISULTATO: 2-1

SPAL – UDINESE | mercoledì ore 18:00

Spal e Udinese sono due squadre che se il campionato finisse oggi sarebbero salve. La Spal ha sedici punti, tre in più del Bologna terzultimo, mentre l’Udinese è a quota quattordici. Per tutte e due le squadre il rendimento non è stato esaltante e la curiosità è che entrambe dal 26 settembre in poi hanno vinto solo una partita di Serie A, contro lo stesso avversario: la Roma.

Nonostante i risultati non esaltanti la Spal non ha cambiato allenatore e Semplici si gioca la conferma in queste due partite prima della sosta, anche se l’anno scorso la Spal si salvò soprattutto grazie a un ottimo girone di ritorno. L’Udinese ha invece già cambiato allenatore e con Nicola ha fatto cinque punti in cinque partite, un rendimento tutto sommato accettabile. Da quando è arrivato l’ex Crotone, l’Udinese gioca un calcio più difensivo, concede meno occasioni alle avversarie ma è anche diventata meno efficace quando attacca.

In questa partita in cui tutte e due le squadre giocheranno con il 3-5-2 e in cui per tutte e due sarà fondamentale prima di tutto non perdere sarà difficile vedere un grande spettacolo.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore della Spal Semplici manderà in campo la sua squadra con il 3-5-2. L’unica assenza di rilievo è quella dello squalificato Kurtic a centrocampo, che verrà sostituito da Valoti. Sempre a centrocampo rientrerà dall’infortunio Missiroli, a completare il reparto saranno Valdifiori in mezzo e Lazzari e Fares sugli esterni. I tre centrali di difesa a protezione del portiere Gomis saranno Cionek, Vicari e Felipe, possibile novità in attacco dove a fare coppia con Petagna potrebbe essere Floccari, preferito a Paloschi e Antenucci.

Dall’altra parte anche l’Udinese manderà in campo il 3-5-2, anche in questo caso con un cambio forzato a centrocampo dove sarà Balic a sostituire lo squalificato Behrami. In difesa i tre centrali davanti a Musso saranno Larsen, Nuytinck ed Ekong, a completare il centrocampo saranno Ter Avest, Fofana, Mandragora e D’Alessandro, con Pussetto e De Paul in attacco e panchina per Lasagna.

Il pronostico

Spal-Udinese sarà una partita molto probabilmente equilibrata tra due squadre che non se la passano benissimo e che proveranno prima di tutto a evitare la sconfitta: potrebbe uscirne un pareggio con poche emozioni. Difficilmente si vedranno più di due gol.

Le probabili formazioni di Spal-Udinese

SPAL (4-3-3): Gomis; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Valoti, Valdifiori, Missiroli, Fares; Floccari, Petagna.
UDINESE (4-3-3): Musso; Larsen, Nuytinck, Ekong; Ter Avest, Fofana, Balic, Mandragora, D’Alessandro; Pussetto, De Paul.

PROBABILE RISULTATO: 0-0

TORINO – EMPOLI | mercoledì ore 18:00

Il Torino nell’ultimo turno di campionato ha mantenuto l’imbattibilità relativa alle partite in trasferta, anche se contro il Sassuolo ha sfiorato la vittoria passando in vantaggio e si è trattato più di due punti persi che di un punto guadagnato. In ogni caso la squadra ha ripreso fiducia dopo l’ennesimo derby perso contro la Juventus e visto che in zona Europa League la classifica è cortissima una vittoria contro l’Empoli rilancerebbe alla grande in classifica la squadra allenata da Mazzarri.

Una missione possibile, a patto di affrontare la partita con la giusta determinazione ed evitare flop come quello contro il Parma. La missione è comunque possibile anche per via dell’avversaria: l’Empoli è la squadra che ha raccolto meno punti in trasferta in questo campionato (tre in otto partite), parziale in cui ha incassato ben 19 gol (2.4 di media a partita). La squadra allenata da Iachini viene da una batosta in casa contro la Sampdoria e continua a subire gol con troppa facilità, anche se i risultati precedentemente erano stati positivi anche grazie al fatto che riesce anche a segnarne tanti con buona costanza. In particolare nelle ultime nove giornate di Serie A, l’Empoli ha sempre sia segnato che subito un gol a partita, per un totale di 40 gol, in media 4.4 a partita.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore del Torino Mazzarri ha un dubbio di natura tattica in vista di questa partita e cioè se continuare con il solito 3-5-2 o se schierare tutti insieme Iago Falque, Zaza e Belotti passando al 3-4-3, sacrificando Baselli a centrocampo. La prima opzione resta quella più probabile, la formazione sarà quella consueta con le uniche eccezioni di Ichazo in porta al posto dell’infortunato Sirigu e di Moretti che tornerà dopo tanto tempo titolare per via di un problema fisico di Djidji che nelle ultime giornate ne aveva preso stabilmente il posto. Per il resto Izzo e Nkoulou al centro, Aina, Meitè, Rincon, Baselli e Ansaldi a centrocampo, e Iago Falque in vantaggio su Zaza come partner di Belotti.

Dall’altra parte l’allenatore dell’Empoli Iachini dovrebbe ritrovare Maietta tra i centrali di difesa con Veseli e Silvestre. Sulle fasce di centrocampo come al solito ci saranno Di Lorenzo e Pasqual. In regia Bennacer, torna titolare dopo avere scontato la squalifica Krunic in mediana. In attacco conferme per La Gumina e Caputo, quest’ultimo ha preso parte attiva al 50% dei gol dell’Empoli in questo campionato (11 su 22).

Il pronostico

Il Torino è favorito per la vittoria in una partita in cui c’è da aspettarsi un numero di gol complessivi superiore a due.

Le probabili formazioni di Torino-Empoli

TORINO (3-5-2): Ichazo; Izzo, Nkoulou, Moretti; Aina, Meitè, Rincon, Baselli, Ansaldi; Iago Falque, Belotti.
EMPOLI (3-5-2): Provedel; Veseli, Silvestre, Maietta; Di Lorenzo, Acquah, Krunic, Traoré, Pasqual; Caputo, La Gumina.

PROBABILE RISULTATO: 3-1