Formula 1: Gran Premio d’Italia

formula 1 gran premio italia monza
Formula 1: il Gran Premio d'Italia, a Monza

Le due Ferrari partiranno in prima fila, con Raikkonen in pole position e Vettel in seconda posizione: se la giocheranno con Hamilton, terzo.

Raikkonen in pole position

Al termine di una combattutissima e bella sessione di qualifiche il pilota della Ferrari Kimi Raikkonen ha ottenuto la pole position nel Gran Premio d’Italia di Formula 1, al suo ultimo tentativo. Il suo miglior giro è stato più veloce di un decimo di secondo rispetto a quello del suo compagno di squadra Sebastian Vettel, che lo aveva appena preceduto sul traguardo in Q3. Poco prima di loro due era passata la Mercedes di Lewis Hamilton, il cui tempo migliore è stato soltanto 14 millesimi più lento di quello di Vettel e poco meno di due decimi rispetto a quello di Raikkonen.

Fin dalle prove libere di venerdì la Ferrari si era dimostrata ancora una volta la macchina più veloce in pista, sebbene con un margine molto ridotto sulla Mercedes di Hamilton. Il miglior tempo in qualifica per l’altra Mercedes – quella guidata da Valtteri Bottas, quarto in griglia – è stato di oltre mezzo secondo più lento del tempo della pole. Per Raikkonen è stata la diciottesima pole position in carriera, la settima in Ferrari e la prima di questa stagione, dopo quella ottenuta al Gran Premio di Monaco del campionato scorso. Da diverse settimane il futuro di Raikkonen non è chiaro: secondo alcuni media sportivi starebbe per rinnovare il contratto con la Ferrari, secondo altri il suo posto sarà occupato dall’attuale pilota della Sauber Charles Leclerc.

Il giro più veloce nella storia della Formula 1

Le caratteristiche storiche della pista di Monza e la straordinaria potenza delle attuali macchine hanno permesso a Raikkonen sia di battere il record della pista sia di compiere il giro più veloce di sempre per una macchina di Formula 1. La sua SF71H ha concluso il giro tenendo una velocità media di 263,6 kmh, maggiore di qualsiasi altra macchina nella storia della Formula 1.

Come Bottas anche i due piloti della Red Bull non hanno mai veramente conteso la pole position alla Ferrari e alla Mercedes in questa qualifica. Max Verstappen ha ottenuto la quinta posizione in griglia grazie a un tempo di quasi un secondo e mezzo più lento rispetto a quello della pole. Da lì in giù i distacchi tra i tempi dei piloti sono minimi. In generale c’è stata molta più confusione e imprevedibilità rispetto al solito: cinque diverse squadre, compresa la Williams, occupano le posizioni dalla sesta alla decima.

Il quasi scontro tra Alonso e Magnussen

Nel corso dell’animata seconda manche delle qualifiche (Q2) Fernando Alonso, pilota della McLaren, e Kevin Magnussen, pilota della Haas, si sono quasi scontrati. Lo hanno fatto alla fine del rettilineo di partenza, mentre cercavano di fare un tempo buono, e hanno soltanto finito per ostacolarsi a vicenda. Nessuno dei due piloti ha ricevuto una sanzione, dal momento che l’incomprensione è stata ritenuta una circostanza “di gara” e ha comunque penalizzato entrambi i piloti.

Nelle successive interviste sia Alonso che Magnussen sono però stati piuttosto chiari e severi l’uno contro l’altro commentando l’accaduto. “Ci sono diverse categorie di piloti e poi ci sono quelli della Haas, che hanno la terza o quarta macchina più veloce eppure escono in Q2”, ha detto Alonso. “Non vedo l’ora che si ritiri”, ha risposto Magnussen parlando di Alonso.

Magnussen e Alonso partiranno rispettivamente in undicesima e in tredicesima posizione, e tra loro due ci sarà soltanto la Williams di Sergey Sirotkin

La griglia di partenza

pos pilota squadra/motore tempo ritardo
1 Kimi Raikkonen Ferrari 1m19.119s
2 Sebastian Vettel Ferrari 1m19.280s 0.161s
3 Lewis Hamilton Mercedes 1m19.294s 0.175s
4 Valtteri Bottas Mercedes 1m19.656s 0.537s
5 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m20.615s 1.496s
6 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m20.936s 1.817s
7 Carlos Sainz Renault 1m21.041s 1.922s
8 Esteban Ocon Force India/Mercedes 1m21.099s 1.980s
9 Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1m21.350s 2.231s
10 Lance Stroll Williams/Mercedes 1m21.627s 2.508s
11 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1m21.669s 2.550s
12 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1m21.732s 2.613s
13 Fernando Alonso McLaren/Renault 1m22.568s 3.449s
14 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m21.888s 2.769s
15 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1m21.889s 2.770s
16 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 1m21.934s 2.815s
17 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1m22.085s 2.966s
18 Marcus Ericsson *** Sauber/Ferrari 1m22.048s 2.929s
19 Daniel Ricciardo *** Red Bull/Renault
20 Nico Hulkenberg *** Renault

*** Hulkenberg e Ricciardo sono stati penalizzati per la sostituzione di alcune parti delle power unit sulle loro macchine oltre il numero di volte consentito da regolamento. Ericsson è stato sanzionato con un arretramento di dieci posizioni perché sulla sua Sauber si è resa necessaria la sostituzione di una parte della power unit oltre il numero di volte consentito da regolamento.

I pronostici per la gara

Anche con le macchine in assetto da gara, durante le prove libere del Gran Premio di Monza, la Ferrari si è mediamente dimostrata la squadra migliore. Il vantaggio sull’unica Mercedes costante e veloce – quella di Hamilton – è tuttavia apparso molto ridotto, e non è escluso che il pilota britannico possa giocarsi la vittoria. Il vantaggio più consistente la Ferrari dovrebbe semmai averlo nella gestione del momento della sosta ai box. Avere due piloti in prima fila – a patto di averli in quella posizione anche dopo la partenza – permetterà di diversificare le strategie, “sacrificando” eventualmente la posizione di uno dei due per permettere all’altro di vincere la corsa.

PROBABILE VINCITORE: Sebastian Vettel (Ferrari)
PROBABILE GIRO VELOCE: Kimi Raikkonen (Ferrari)
PROBABILE PODIO: Vettel, Hamilton, Raikkonen