Il Belgio ha schiantato la Tunisia 5-2

E avrebbe potuto segnarne anche altri, tanto è stata schiacciante la superiorità. È la prima volta in questo Mondiale in cui una partita molto squilibrata in partenza finisce con un risultato che rifletta pienamente quel divario tecnico iniziale. Il Belgio è praticamente qualificato per gli ottavi.

La partita tra il Belgio e la Tunisia, la prima della seconda giornata nel gruppo G, è stata quella con più gol in questa edizione del Mondiale in Russia. Fin dai primi minuti il Belgio ha dato la chiara impressione di poterla vincere facilmente. Eden Hazard ha segnato il primo gol al quinto minuto, su rigore, assegnato dall’arbitro e confermato dal VAR per un fallo al limite dell’area di rigore (ma al limite proprio). Romelu Lukaku, con grande lucidità, ha poi segnato il secondo e il terzo gol, al quindicesimo e poco prima della fine del primo tempo. Nel frattempo la Tunisia aveva segnato un gol sul 2-0, con un colpo di testa di Dylan Bronn da calcio piazzato.

Nel secondo tempo la storia non è cambiata, anzi. Il Belgio ha continuato a costruire belle azioni con ammirevole costanza, e Hazard ha segnato il suo secondo gol dopo sei minuti. Il quinto gol lo ha segnato Michy Batshuayi, entrato a venti minuti dalla fine della partita proprio al posto di Hazard. Il secondo gol della Tunisia, segnato da Wahbi Khazri, è arrivato negli ultimi minuti del tempo di recupero, alla fine di un’azione niente male, sebbene inutile. Al di là di questo la Tunisia non ha combinato praticamente niente, tanto da legittimare l’impressione che si tratti di una delle due o tre peggiori squadre del torneo.

In attesa di Inghilterra-Panama, in programma domani, il Belgio ha rafforzato la sua prima posizione in classifica nel gruppo G, con sei punti in due partite. La Tunisia, a zero punti, è fuori dal Mondiale.