Formula 1: i pronostici sul Gran Premio di Spagna

Nel Gran Premio di Spagna di Formula 1 le Mercedes sono tornate a occupare la prima fila e a essere favorite secondo i pronostici. Lewis Hamilton partirà in pole position davanti al suo compagno di squadra Valtteri Bottas, alle Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, e alle Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo. La partenza è alle 15:10.

Cosa è successo in qualifica

Pur trovandosi in prima posizione nella classifica generale dopo le prime quattro gare del Mondiale, il pilota britannico Lewis Hamilton non ha finora mai dato la chiara impressione di poter dominare una corsa. La vittoria nello scorso Gran Premio dell’Azerbaijan è stata peraltro ottenuta con un po’ di fortuna, e cioè anche a causa di una serie di incidenti capitati ad altri piloti. Se si esclude la pole position di Hamilton nel primo Gran Premio dell’anno, la qualifica del Gran Premio di Spagna è stata la prima circostanza di questa stagione in cui la Mercedes abbia mostrato di nuovo un potenziale superiore a quello delle sue principali avversarie.

Hamilton ha ottenuto la pole position sfruttando una macchina ben bilanciata (ma non del tutto, dice lui) e sfruttando anche particolari condizioni della pista. Il vento molto forte, il cielo coperto e soprattutto le temperature più basse rispetto a quelle attese hanno determinato condizioni ambientali in cui le gomme supersoft (banda rossa), a un certo punto, sembravano funzionare veramente bene soltanto sulle Mercedes.

Il tempo più veloce ottenuto da una Ferrari è stato quello di Sebastian Vettel, terzo in griglia, che ha dato l’impressione di dover impegnarsi moltissimo per arrivare a 0,132 secondi dal tempo di Hamilton (Raikkonen a 0,439). E a riprova delle difficoltà delle Ferrari e delle Red Bull a mantenere sufficiente aderenza durante la Q3, tre piloti su quattro – Vettel, Raikkonen e Ricciardo – hanno ottenuto il loro miglior tempo utilizzando gomme soft (banda gialla) anziché gomme supersoft, per provare a sparigliare e risolvere il problema di aderenza avuto nel primo tentativo.

La griglia di partenza

pos pilota squadra/motore tempo ritardo
1 Lewis Hamilton Mercedes 1m16.173s
2 Valtteri Bottas Mercedes 1m16.213s 0.040s
3 Sebastian Vettel Ferrari 1m16.305s 0.132s
4 Kimi Raikkonen Ferrari 1m16.612s 0.439s
5 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m16.816s 0.643s
6 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m16.818s 0.645s
7 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1m17.676s 1.503s
8 Fernando Alonso McLaren/Renault 1m17.721s 1.548s
9 Carlos Sainz Renault 1m17.790s 1.617s
10 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m17.835s 1.662s
11 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1m18.323s 2.150s
12 Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1m18.463s 2.290s
13 Esteban Ocon Force India/Mercedes 1m18.696s 2.523s
14 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1m18.910s 2.737s
15 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m19.098s 2.925s
16 Nico Hulkenberg Renault 1m18.923s 2.750s
17 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m19.493s 3.320s
18 Lance Stroll Williams/Mercedes 1m20.225s 4.052s
19 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1m19.695s 3.522s
20 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda

Le previsioni per la gara

La pista in cui si svolge il Gran Premio di Spagna, a Montmeló, è tradizionalmente la stessa pista utilizzata dalle squadre per svolgere i test invernali. Quelli di quest’anno si sono svolti tra febbraio e marzo ma in condizioni climatiche eccezionali: faceva freddissimo nella prima settimana (un giorno è nevicato, persino) e non così caldo nella seconda. Venerdì, nelle prove libere del Gran Premio, i livelli di degrado e usura delle gomme sono stati prevedibilmente diversi rispetto a quelli emersi durante i test. Ma la Mercedes è sembrata generalmente la macchina più veloce e più costante in assetto da gara.

Come già accaduto nella giornata di sabato, le temperature previste per la gara dovrebbero essere più basse rispetto a quelle di venerdì (ci sono anche probabilità di pioggia con percentuali tra il 40 e il 50 per cento). A temperature basse dell’asfalto la Mercedes è sembrata andare ancora più veloce, finora, e più che per meriti propri per demeriti altrui. Né le Ferrari né le Red Bull hanno dato l’impressione di riuscire a portare rapidamente e omogeneamente le gomme alle temperature di funzionamento più adeguate.

La strategia di gara migliore in circostanze normali dovrebbe essere quella a due soste, peraltro scelta dalla maggior parte dei piloti nel 2017. Non è escluso che qualcuno possa farne tre, ma qualcun altro potrebbe persino provare a utilizzare il terzo tipo di gomma (medium: banda bianca) e farne una soltanto. In caso di pista bagnata anche solo per una breve parte della gara, vale la pena ricordarlo, decadrebbe l’obbligo per i piloti di utilizzare almeno due dei tre tipi di gomme a disposizione.

MONTMELÓ METEO

I pronostici sul Gran Premio della Spagna

GIRO PIÙ VELOCE: HAMILTON (2.65, Goldbet)
GIRO PIÙ VELOCE: RICCIARDO

MAGNUSSEN-GROSJEAN: 1 (1.38) MAGNUSSEN 6° / GROSJEAN N.C.
VERSTAPPEN-RICCIARDO: 2 (2.11) VERSTAPPEN 3° / RICCIARDO 5°
VETTEL-RAIKKONEN: 1 (1.24) VETTEL 4° / RAIKKONEN N.C.
Quota totale: 3.61, planetwin365 (CODICE 7HVKY)

 

 

Aggiornamento lunedì 14 maggio 2018, ore 11:00

La classifica finale del Gran Premio, per agevolare la verifica dei pronostici corretti e di quelli sbagliati, e per tenere un archivio da consultare.

GIRO PIÙ VELOCE: Daniel Ricciardo (Red Bull)
Pos pilota squadra giri tempo/distacco
1 Lewis Hamilton Mercedes 66 1h35m29.972s
2 Valtteri Bottas Mercedes 66 20.593s
3 Max Verstappen Red Bull/Renault 66 26.873s
4 Sebastian Vettel Ferrari 66 27.584s
5 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 66 50.058s
6 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 65 1 giro
7 Carlos Sainz Renault 65 1 giro
8 Fernando Alonso McLaren/Renault 65 1 giro
9 Sergio Perez Force India/Mercedes 64 2 giri
10 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 64 2 giri
11 Lance Stroll Williams/Mercedes 64 2 giri
12 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 64 2 giri
13 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 64 2 giri
14 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 63 3 giri
Stoffel Vandoorne * McLaren/Renault 45 guasto al cambio
Esteban Ocon * Force India/Mercedes 38 perdita olio
Kimi Raikkonen * Ferrari 25 guasto alla power unit
Romain Grosjean * Haas/Ferrari 0 incidente
Pierre Gasly * Toro Rosso/Honda 0 incidente
Nico Hulkenberg * Renault 0 incidente

* non classificati
(i piloti “non classificati” sono soltanto quelli che non completano almeno il 90% dei giri previsti)