Liga: Malaga-Real Madrid e Barcellona-Eibar (domenica)

I pronostici sulla Liga, il principale campionato spagnolo di calcio

Domenica sera alle 20:00 il Real Madrid e il Barcellona si giocano a distanza un titolo che il Real Madrid può perdere soltanto se perde in casa del Malaga e il Barcellona intanto vince in casa contro l’Eibar.

MALAGA – REAL MADRID | domenica ore 20:00

Dopo un’altra partita piena di contestazioni e proteste per alcuni evidenti errori commessi dall’arbitro, il Real Madrid mercoledì scorso è riuscito a battere 4-1 il Celta Vigo e, di fatto, a vincere un bel pezzo del titolo di campione di Spagna 2016-2017. Ha ora tre punti di vantaggio sul Barcellona, e soltanto una sconfitta del Real sul campo del Malaga darebbe al Barcellona la possibilità di recuperare i tre punti di svantaggio e aggiudicarsi il titolo in virtù dei migliori risultati ottenuti negli scontri diretti (pareggio per 1-1 e vittoria per 3-2).

Per il Real Madrid è quasi fatta, in un certo senso, ma quella alla “Rosaleda” è la peggiore trasferta che potesse capitargli in questo momento come ultima partita del campionato. Il Malaga ha vinto quattro volte nelle ultime cinque giornate, e non perde una partita dal 15 aprile scorso, quando un’imprevista sconfitta al “Riazor” contro il Deportivo si è frapposta in una serie di sei vittorie. Difficile non attribuire almeno in parte all’allenatore Michel i meriti di questa sorprendente svolta stagionale del Malaga, che il 7 marzo scorso aveva esonerato Marcelo Romero per i pessimi risultati, due mesi dopo aver già accettato le dimissioni di Juande Ramos. Da allora, in undici partite sono arrivate sei vittorie e due pareggi. Il Malaga gioca bene e ha un eccellente attaccante, l’ex canterano del Barcellona Sandro Ramirez, autore di sette gol e due assist nelle ultime otto partite, e che al momento appare l’unica variabile teoricamente in grado di impedire al Real Madrid di vincere questo titolo.

Un vantaggio del Real Madrid sarà certamente l’assenza, nella formazione della squadra avversaria, del difensore Diego Javier Llorente, che in virtù di una clausola presente nel suo contratto di prestito dal Real Madrid non può giocare contro la squadra proprietaria del suo cartellino. La recente ripresa del Malaga coincide con il suo impiego stabile da titolare da dopo l’esonero di Marcelo Romero, che a lui spesso preferiva (con esiti disastrosi) l’argentino Martín Demichelis. E ci sarà probabilmente proprio Demichelis in coppia con Luis Hernández al centro della difesa.

A giudicare da come sta giocando il Malaga ultimamente, e da come ultimamente sta uscendo il Real Madrid da certe frequenti situazioni complicate (a volte anche con un po’ di fortuna), non sarebbe una sorpresa se questo titolo arrivasse grazie non a una vittoria ma a un pareggio in uno stadio molto difficile. Probabilmente servirà comunque difendere con attenzione e segnare almeno un altro gol, dato che sono quattro giornate che il Malaga ne segna almeno due a partita.

Le probabili formazioni:
MALAGA: Kameni; Miguel Torres, Luis Hernandez, Demichelis, Ricca; Recio, Camacho; Fornals, Jony (o Juan Carlos Perez), Keko; Sandro Ramirez.
REAL MADRID: Navas; Danilo, Ramos, Nacho Fernandez (o Varane), Marcelo; Casemiro, Kroos, Modric; Ronaldo, Isco, Benzema.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
GOL (1.53, Bet365)
OVER 5,5 CARTELLINI (2.20, Bet365)

 




 

BARCELLONA – EIBAR | domenica ore 20:00

Nonostante le due sconfitte per 1-0 contro l’Atletico Madrid e contro lo Sporting Gijón nelle ultime due giornate, la stagione estremamente positiva dell’Eibar si concluderà al peggio con una decima posizione in classifica che attesta i notevoli progressi recenti del calcio nei Paesi Baschi. La squadra allenata da José Luis Mendilibar ha ricevuto numerosi apprezzamenti nel corso di tutta la stagione, non soltanto per i risultati conseguiti ma anche per uno stile di gioco molto fluido e veloce in attacco, e per la regolarità con cui i suoi trequartisti e attaccanti sono riusciti a far gol. Le quattro sconfitte nelle ultime sei partite sono in parte dovute a un progressivo rilassamento della squadra, una volta preso atto dell’impossibilità di raggiungere posizioni di classifica utili per disputare le prossime competizioni europee.

Essendo la vittoria del Barcellona una condizione strettamente necessaria al Barcellona per sperare di vincere il titolo, secondo la totalità degli osservatori, comprensibilmente, non ci sono possibilità che l’Eibar possa uscire dal “Camp Nou” con un risultato diverso da una sconfitta in questo ultimo turno di campionato. Ciononostante potrebbe uscirne una partita divertente. Il Barcellona – che non ha a disposizione Mascherano, infortunato – ha più volte dimostrato di essere in grado di segnare un mucchio di gol a qualsiasi squadra (fuorché la Juventus) ma anche di prenderne regolarmente almeno uno persino dal Granada, dall’Osasuna e dallo Sporting Gijón.

La necessità di provare a mettere pressione al Real Madrid andando in vantaggio il prima possibile – e con un margine di gol da subito rassicurante – potrebbe favorire la possibilità stesse delle ripartenze dell’Eibar. È una partita che l’Eibar sembra in effetti destinato a perdere inevitabilmente, ma secondo un andamento relativamente prevedibile: attacchi ripetuti e immediati del Barcellona, fin dai primi minuti della partita, e occasionali contropiedi che potrebbero permettere a Pedro León, Kike Garcia o Sergi Enrich di provare il piacere di segnare almeno un gol al “Camp Nou” nell’ultima giornata di questo campionato, comunque vada, così positivo per l’Eibar.

Le probabili formazioni:
BARCELLONA: Ter Stegen; Sergi Roberto, Umtiti, Piqué, Jordi Alba; Busquets, Rakitic, Iniesta; Neymar, Messi, Suarez.
EIBAR: Riesgo; Capa, Alex Galvez, Lejeune, Juncà; Escalante, Dani Garcia, Takashi Inui, Pedro Leon; Sergi Enrich, Kike Garcia.

PROBABILE RISULTATO: 4-2
OVER 2,5 1° TEMPO (1.53, SNAI)
1 + OVER 4,5 (2.00, SNAI)
1 + GOL (2.20, SNAI)