Amichevoli internazionali: Olanda-Italia e Francia-Spagna (martedì)

Approfondimenti, probabili formazioni e pronostici per le due partite probabilmente più belle da vedere tra le amichevoli in programma questo martedì.

OLANDA – ITALIA | martedì ore 20:45

L’Olanda sabato scorso ha perso inaspettatamente due a zero in trasferta contro la Bulgaria, riducendo ancora di più le già residue speranze di una qualificazione diretta ai Mondiali del 2018. È un periodo particolarmente negativo per l’Olanda: dopo non essere riuscita a qualificarsi per gli Europei del 2016 – nonostante le squadre ammesse fossero addirittura ventiquattro e non più soltanto sedici, come accadeva in passato – il cammino verso il Mondiale in Russia è sempre più in salita: come in ogni girone, a qualificarsi direttamente sarà soltanto la prima classificata, e nel gruppo dell’Olanda a comandare attualmente è la Francia a quota 13 punti, sei in più dell’Olanda, al momento quarta e preceduta anche da Svezia e Bulgaria. Già raggiungere il secondo posto e giocare gli eventuali playoff a questo punto sarebbe un risultato positivo, a provarci però non sarà più il commissario tecnico Danny Blind che è stato esonerato dopo la sconfitta in Bulgaria: in attesa che la federazione scelga il nuovo allenatore, in panchina nell’amichevole contro l’Italia andrà Grim.

E pensare che l’Olanda appena tre anni fa ha rischiato di vincere il Mondiale del 2014, arrivando al terzo posto, sconfitta in semifinale soltanto ai calci di rigore dall’Argentina. In questi anni il problema principale dell’Olanda sono stati i continui infortuni dei suoi due calciatori più carismatici e forti – Strootman e Robben – la mancanza di difensori centrali di buon livello e le promesse non mantenute da parte di alcuni calciatori che sembravano potessero diventare dei campioni ma che hanno poi fallito, tipo Jaanmat, Luuk de Jong, Lens, Bas Dost e così via. Va poi notato come il commissario tecnico Blind non fosse poi il tipo di allenatore carismatico in grado di guidare il gruppo come aveva fatto Van Gaal al Mondiale, ha fatto parecchie scelte sbagliate, ultima quella di schierare titolare al centro della difesa il diciassettenne Matthijs de Ligt in una partita così delicata come quella in Bulgaria, scelta che si è rivelata sbagliata visto che i gol degli avversari sono arrivati proprio su altrettanti errori del giocatore dell’Ajax.

Viene difficile anche solo immaginare quale formazione scenderà in campo per l’Olanda in questa partita in cui ci sarà un allenatore ad interim, non è però così scontato che l’Italia vinca facilmente, anzi in questa partita – che è pur sempre un’amichevole – le motivazioni potrebbero essere maggiori proprio per i calciatori olandesi che tra l’altro giocheranno in casa (all’Amsterdam ArenA) dove non vorranno collezionare l’ennesima brutta figura dell’ultimo disastroso periodo.

Il commissario tecnico dell’Italia Ventura dall’altra parte userà questa amichevole per provare il 3-5-2, cambiando così schema rispetto al 4-4-2 molto offensivo visto contro l’Albania. In porta ci sarà Donnarumma al posto di Buffon, difesa con Rugani, Bonucci e Romagnoli, esterni di centrocampo Zappacosta a destra e Darmian a sinistra, De Rossi mediano davanti la difesa con Verratti e Parolo schierati da interni e la coppia Immobile-Eder in avanti. Sarà una formazione abbastanza competitiva, ma è da capire quale atteggiamento avranno i calciatori in campo dopo il brillante successo sull’Albania: il campionato è vicino, alle porte ci sono partite molto importanti per i rispettivi club di appartenenza, e l’Italia è tradizionalmente allergica alle amichevoli, in cui ha storicamente un rendimento inferiore a quello che assicura nelle partite ufficiali. Nelle ultime dieci amichevoli giocate, l’Italia ha vinto solo in due occasioni, tra l’altro contro avversari alla portata come Scozia e Finlandia, perdendo con Portogallo, Belgio, Germania e Francia.

Formazioni ufficiali
OLANDA: Zoet, Tete, Martins Indi, Hoedt, Blind, Wijnaldum, Strootman, Klaassen, Lens, Memphis, Promes.
ITALIA: Donnarumma, Rugani, Bonucci, Romagnoli, Zappacosta, De Rossi, Verratti, Parolo, Darmian, Immobile, Eder.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
1X (1.48, Bet365)
GOL (1.83, Bet365)




FRANCIA – SPAGNA | martedì ore 21:00

Francia e Spagna hanno reagito molto bene alle delusioni dell’ultimo Europeo – in cui la Francia ha perso la finale in casa ai tempi supplementari contro il Portogallo e la Spagna campione in carica è stata eliminata agli ottavi di finale dall’Italia di Antonio Conte – ma lo hanno fatto con delle scelte diverse.

La Francia ha deciso di confermare Deschamps come commissario tecnico, che rispetto al passato ha però iniziato a dare più spazio ai tanti giovani talenti cresciuti negli ultimi mesi e che potrebbero tornare molto utili l’anno prossimo in Russia, come ad esempio l’attaccante del Monaco Mbappé.

La Spagna ha invece iniziato una nuova era con Lopetegui come nuovo commissario tecnico al posto di Del Bosque. I primi risultati sono stati positivi: la Spagna è al primo posto nel girone a pari merito con l’Italia, ma ha il vantaggio di giocare la partita di ritorno contro gli azzurri in casa. Lopetegui inoltre – nonostante l’abbondanza di calciatori di qualità a sua disposizione – è stato bravo a trovare subito una precisa identità di gioco, puntando sul 4-3-3 e su una formazione tipo ben definita. I punti fermi della nazionale sono il portiere De Gea, i due centrali Sergio Ramos e Piqué – fortissimi nel gioco aereo anche nell’area di rigore avversaria quando c’è da attaccare – il mediano Busquets, i centrocampisti offensivi Iniesta e Silva e l’attaccante Diego Costa. La nuova Spagna è sempre molto abile a mantenere il possesso del pallone, ma cerca con maggiore insistenza le verticalizzazioni e le sponde del suo fortissimo attaccante che al Chelsea sta giocando alla grande.

Rispetto alla Spagna che nella formazione titolare è ancora molto competitiva, la Francia sembra avere più qualità e scelta anche nelle riserve, motivo per cui parte favorita in questa amichevole in cui tutti e due gli allenatori faranno parecchi cambi, senza dimenticare il fattore campo visto che si giocherà allo “Stade de France” di Saint-Denis.

Lopetegui rispetto alla bella vittoria su Israle darà sicuramente una maglia da titolare a Nacho, Koke, Pedro e Morata facendo riposare Piqué, Silva, Iniesta e Diego Costa, inoltre potrebbe giocare Azpilicueta al posto di Carvajal e nel secondo tempo potrebbero entrare Illarramendi e Gerard Deulofeu. Dall’altra parte Deschamps dovrebbe confermare per grandi linee la squadra che ha battuto il Lussemburgo, col possibile cambio di Gameiro per Giroud in attacco, mentre Mbappé dovrebbe trovare spazio nel secondo tempo. Possibili cambi anche in difesa e a centrocampo dove Kurzawa, Jallet e Rabiot si candidano a una maglia da titolare.

Formazioni ufficiali
FRANCIA: Lloris, Kurzawa, Koscielny, Umtiti, Jallet, Tolisso, Kanté, Rabiot, Gameiro, Griezmann, Mbappé.
SPAGNA: De Gea, Carvajal, Ramos, Piqué, Alba, Busquets, Koke, Isco, Iniesta, Pedro, Morata.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
GOL (1.90, Bet365)
1X + OVER 1.5 (1.85, Eurobet)