Formula 1: i pronostici sul GP del Belgio

I pronostici sul Gran Premio del Belgio di Formula 1
I pronostici sul Gran Premio del Belgio di Formula 1

In una delle corse più suggestive dell’anno, sul circuito di Spa-Francorchamps, Rosberg parte in pole position ma la Mercedes non sembra imbattibile come al solito (e Hamilton partirà ultimo per una penalità): ecco i pronostici e le ragioni per cui Red Bull e Ferrari possono ambire a vincere la gara.

Come sono andate le qualifiche

Rispetto a tutte le altre gare della stagione, la pole position della Mercedes era meno scontata del solito. Sia Red Bull che Ferrari sembravano poter competere con la Mercedes per la pole, e certamente avevano la prima fila come traguardo minimo: si sapeva infatti fin da venerdì che il posto solitamente occupato da Hamilton stavolta sarebbe rimasto “libero” a causa della penalità inflitta al pilota inglese. Sulla sua macchina la Mercedes è stata costretta a sostituire diverse parti della power unit per la settima volta in questa stagione, e – poiché il regolamento impone di utilizzare soltanto cinque motori prima di prendere una penalità – Hamilton ha subìto un arretramento di 55 (!) posizioni in griglia. Partirà ultimo, insomma (e forse direttamente dalla pit lane, a discrezione della squadra, per evitargli qualsiasi coinvolgimento in eventuali incidenti in partenza).

Rosberg è stato il più veloce sia in Q2 che in Q3, ma con un margine piuttosto ridotto rispetto ai solito vantaggio della Mercedes in qualifica. In Q3 sia Max Verstappen (secondo a 15 centesimi di secondo da Rosberg) che Kimi Raikkonen (terzo a 16 centesimi di secondo da Rosberg) hanno dato l’impressione di poter migliorare il tempo della pole position. Kimi Raikkonen – che sul circuito di Spa-Francorchamps ha vinto quattro volte, più di qualsiasi altro pilota in attività – ha commesso un errore nel primo tentativo compiuto in Q3 (è finito largo a una curva, uscendo nella sabbia), e ha perciò avuto un unico tentativo per segnare il tempo che poi gli ha permesso di ottenere la terza posizione in griglia. Anche Vettel alla fine è stato molto veloce (seppure un po’ meno di Raikkonen), specialmente se si considera che venerdì la Ferrari sembrava non avere ancora trovato l’assetto giusto.

Nelle prove libere di sabato mattina, ancora più che nelle qualifiche, Ferrari e Red Bull hanno dimostrato di poter essere in certi casi velocissime, anche più della Mercedes, a determinate condizioni della pista. Con temperature molto elevate Rosberg e Hamilton erano piuttosto lenti, mentre Raikkonen, Ricciardo e Vettel volavano (Verstappen ha avuto un problema al cambio e non ha girato).

È andata molto forte anche la Force India – Perez sesto, Hulkenberg settimo – e in Belgio non è una novità. Alonso, che comunque partiva con una penalità di 30 posizioni in griglia, ha avuto un guasto alla power unit, appena uscito dai box, e non ha disputato le qualifiche. Ma l’ottimo nono tempo di Jenson Button, su un circuito molto lungo e molto vario come quello di Spa-Francorchamps, conferma i progressi recenti compiuti dalla McLaren, dopo l’ultima disastrosa stagione.

La griglia di partenza

pos pilota squadra/motore tempo ritardo
1 Nico Rosberg Mercedes 1m46.744s
2 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m46.893s 0.149s
3 Kimi Raikkonen Ferrari 1m46.910s 0.166s
4 Sebastian Vettel Ferrari 1m47.108s 0.364s
5 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m47.216s 0.472s
6 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m47.407s 0.663s
7 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m47.543s 0.799s
8 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m47.612s 0.868s
9 Jenson Button McLaren/Honda 1m48.114s 1.370s
10 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m48.263s 1.519s
11 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m48.316s
12 Kevin Magnussen Renault 1m48.485s
13 Jolyon Palmer Renault 1m48.888s
14 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 1m49.038s
15 Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 1m49.320s
16 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m48.949s
17 Esteban Ocon Manor/Mercedes 1m49.050s
18 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m48.598s
19 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 1m49.058s
20 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m49.071s
21 Lewis Hamilton Mercedes 1m50.033s
22 Fernando Alonso McLaren/Honda

** A causa di penalità dovute alla sostituzione oltre limite di varie parti della power unit, Ericsson è stato retrocesso di 10 posizioni in griglia, Alonso di 35 posizioni, e Hamilton di 55 posizioni. Gutierrez ha invece ricevuto una penalizzazione di 5 posizioni in griglia per aver “bloccato” Wehrlein durante le prove libere del sabato mattina.

Che gara potrebbe uscirne

Rosberg si è detto preoccupato della scarsa velocità della Mercedes in assetto da gara e in determinate condizioni di pista, e per la prima volta in questa stagione non è sembrato fare pretattica. Probabilmente avrà pensato alle prestazioni piuttosto deludenti della Mercedes nella terza sessione di prove libere con macchina carica di carburante e gomme super-soft (un tipo di gomma che la Mercedes ha provato poco e userà presumibilmente una sola volta in gara, e per pochi giri). Red Bull e Ferrari sono obiettivamente andate più veloce, ma è possibile che le condizioni atmosferiche a loro più favorevoli non si verifichino domenica.

La temperatura sabato è arrivata fino a 35 °C (e 40 °C quella della pista), mentre per domenica è previsto cielo coperto e una temperatura che non dovrebbe superare i 28 °C (alcuni servizi riportano addirittura un 30 per cento di probabilità di precipitazioni). È quindi probabile che la Mercedes ritrovi competitività e che per Red Bull e Ferrari in ogni caso non sarà semplicissimo battere Rosberg. È invece abbastanza probabile che, nonostante la velocità della sua Mercedes, Hamilton non farà in tempo a riportarsi vicino ai primi cinque (Rosberg, Ricciardo, Raikkonen, Vettel e Ricciardo) e a competere con loro per il podio.

Altra considerazione da fare è che dei primi cinque Verstappen è l’unico pilota che partirà con gomme super-soft, mentre gli altri avranno tutti le soft, più resistenti (si ipotizza invece che le super-soft non possano durare più di cinque giri). Ricciardo ha detto di ritenere migliore la strategia della partenza con gomme soft, e in molti la pensano come lui.

I pronostici

RAIKKONEN SUL PODIO (2.50, SNAI)
RAIKKONEN: 9°

* Per chi intenda puntare qualcosa sulla vittoria di Kimi Raikkonen (a quota 10.00) potrebbe essere utile sapere che il bookmaker SNAI offre un bonus scommesse pari al 50% dell’importo della giocata in singola sul vincente della gara, se il pilota pronosticato si piazza al secondo posto anziché vincere la corsa (bonus massimo: 30 euro).

TESTA A TESTA
GROSJEAN-GUTIERREZ 1 (1.50) GUTIERREZ 12° / GROSJEAN 13°
PEREZ-BOTTAS 1 (1.30) PEREZ 5° / BOTTAS 8°
VERSTAPPEN-VETTEL 2 (2.35) VETTEL 6° / VERSTAPPEN 11°
Quota totale: 4.58, SNAI

 

Aggiornamento lunedì 29 agosto

Da quest’anno il Veggente riporta la classifica finale del Gran Premio, per semplificare la verifica dei pronostici corretti da parte dei lettori e, soprattutto, per tenere un archivio utile e facile da recuperare nei weekend di gara.

GIRO PIÙ VELOCE: Lewis Hamilton (Mercedes)
Pos pilota squadra/motore tempo/distacco
1 Nico Rosberg Mercedes 1h44m51.058s
2 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 14.113s
3 Lewis Hamilton Mercedes 27.634s
4 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 35.907s
5 Sergio Perez Force India/Mercedes 40.660s
6 Sebastian Vettel Ferrari 45.394s
7 Fernando Alonso McLaren/Honda 59.445s
8 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m00.151s
9 Kimi Raikkonen Ferrari 1m01.109s
10 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m05.873s
11 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m11.138s
12 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m13.877s
13 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m16.474s
14 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 1m27.097s
15 Jolyon Palmer Renault 1m33.165s
16 Esteban Ocon Manor/Mercedes 1 giro
17 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1 giro
Kevin Magnussen* Renault ritirato al 5° giro (incidente)
Marcus Ericsson* Sauber/Ferrari ritirato al 3° giro (guasto al cambio)
Carlos Sainz* Toro Rosso/Ferrari ritirato al 1° giro (foratura)
Jenson Button* McLaren/Honda ritirato al 1° giro (incidente)
Pascal Wehrlein* Manor/Mercedes ritirato al 1° giro (incidente)

* non classificati
(i piloti “non classificati” sono soltanto quelli che non completano almeno il 90% dei giri previsti)