Coppa del Re: Valencia-Barcellona

Stasera si gioca una semifinale di ritorno di Coppa del Re teoricamente molto bella (sono pur sempre Barcellona e Valencia) ma praticamente inutile, dopo il 7-0 della settimana scorsa, tant’è che titolari in campo ce ne saranno pochissimi.

VALENCIA – BARCELLONA | ore 20:30

Mercoledì scorso, in una partita evidentemente squilibrata ma da cui ci si aspettava un risultato meno clamoroso, il Valencia ha preso una mazzata paurosa: 7-0 è un tipo di sconfitta che persino le squadre più scarse del campionato spagnolo, con un po’ di attenzione e buona organizzazione in campo, riescono a evitare. Il Valencia, in questo momento e da questo punto di vista, merita forse persino meno del posto che ha attualmente in classifica: 14° con 25 punti (solo quattro in più rispetto al Las Palmas, terzultimo). Persino il Levante, ultimo in classifica, domenica scorsa ha giocato contro il Barcellona una partita migliore rispetto a quella del Valencia in Coppa del Re: ha perso “solo” 2-0, colpendo anche un palo alla fine del primo tempo. Il Valencia ne ha presi sette in una sola partita, rendendo superfluo qualsiasi dubbio riguardo il passaggio del turno (comunque poco incerto anche alla vigilia).

Qualsiasi discorso teorico sulla qualità delle rose e sull’attuale condizione di forma delle due squadre, in vista della partita di stasera, è quindi del tutto superato dalle circostanze specifiche in cui si gioca questa partita di ritorno della semifinale di Coppa del Re: mancano più di dieci titolari in campo, contando da una parte e dall’altra. È una partita che non ha più niente da dire: né conta per Luis Enrique, né per Gary Neville, il quale anzi fa bene a pensare alla partita di sabato sera in casa contro l’Espanyol (praticamente uno “scontro salvezza”, per come stanno in classifica, e chi accidenti lo avrebbe mai immaginato sei mesi fa).

Nel Barcellona mancano Messi, Neymar, Suarez, Iniesta, Claudio Bravo, Dani Alves, Busquets, Mascherano, Piqué, Arda Turan, Jordi Alba. Insomma a Valencia il Barcellona è andato con sei “primavera” nella rosa: Wilfrid Kaptoum, Sergi Samper, Dani Romera, Juan Cámara, Carles Aleñà (Juvenil A), Gerard Gumbau (Barça B), e non è escluso che qualcuno sia in campo dall’inizio. Completano la lista dei convocati: Ter Stegen, Adriano, Aleix Vidal, Vermaelen, Bartra, Mathieu, Masip, Douglas, Rakitic, Munir, Sandro, Sergi Roberto.

Nel Valencia non ci sono né Alcácer né Enzo Pérez, che dovrebbero invece tornare disponibili per la partita di sabato sera. Oltre a loro mancano anche – chi da più chi da meno tempo – Diego Alves, Feghouli, Barragán, Cancelo, Parejo e Mustafi. Anche Neville quindi ha convocato alcuni giocatori delle giovanili: Diego Caballo, Zahibo, Ayala, Diallo, Tropi, Iban Salvador, Fran Villaba. I soli convocati “noti” in attacco sono Santi Mina e Negredo, e a centrocampo sono Andre Gomes, Piatti e Danilo. Considerando la situazione in cui si trova il Valencia, tutti quanti – titolari e non – sono tenuti a giocare una partita “decorosa”, per non compromettere ulteriormente la posizione sempre più instabile di Neville. E d’altronde la formazione del Barcellona autorizza a ipotizzare che Negredo trovi il modo di segnare almeno un gol. Dovesse giocare Mathieu (probabile di sì), qualche azione pericolosa del Valencia potrebbe quantomeno svolgersi sulla fascia occupata da Santi Mina (più veloce e più scaltro di Mathieu). Allo stesso tempo, viene altrettanto facile credere che i tanti non-titolari presenti nel Barcellona abbiano motivazioni sufficienti per mettersi in mostra e cercare di segnare almeno un gol (un eccellente “smistatore” di palloni quantomeno lo avranno anche loro: Rakitic).

Le probabili formazioni:
VALENCIA: Jaume Domenech; Danilo, Vezo, Abdennour, Gayà; André Gomes, Zahibo, Villalba, Piatti; Santi Mina, Negredo.
BARCELLONA: Ter Stegen; Mathieu, Bartra, Vermaelen, Adriano; Aleix Vidal, Sergi Samper, Gumbau; Sergi Roberto, Munir, Sandro Ramirez.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
GOL (1.66, Paddy Power e Bet365)