Brasile-Cile, sotto con gli ottavi di finale

BRASILE – CILE | sabato 28 ore 18

Brasile-Cile è un partitone, è uno degli ottavi di finale più avvincente e probabilmente divertente, basta pensare che in programma c’è pure Costa Rica-Grecia, che con tutto il rispetto hanno meno talento e meno vocazione offensiva di queste due nazionali sudamericane.

Chi sta meglio e chi sta peggio
Il Mondiale dura un mese, e le squadre che hanno più calciatori in palla sono favorite. Tra Brasile e Cile – al di là dei valori assoluti delle due squadre in cui il Brasile ha qualcosa in più soprattutto in difesa (nel Cile non c’è un Thiago Silva) – chi sta messo meglio e chi sta messo peggio? Forse sta messo meglio il Brasile.

I risultati del Brasile in questo Mondiale – e qui sul veggente lo abbiamo scritto fin dall’inizio – dipendono esclusivamente da Neymar, che è il calciatore di maggiore talento in una squadra per il resto molto “europea”, e non a caso è stata già paragonata al Bayern Monaco 2012/2013 di Heynckes. La manovra offensiva – visto che ci sono due centrocampisti non abilissimi in fase di impostazione – dipende quasi esclusivamente dai trequartisti. Il calciatore più forte del Brasile è Neymar ed è anche quello più in forma di tutti, e questo è un bene perché se gira Neymar, Fred può fare gol con più facilità e anche Oscar ne risente positivamente. Finora ha deluso Hulk, prima o poi dovrà svegliarsi anche lui. In difesa c’è David Luiz che ogni tanto commette distrazioni non in linea col prezzo del suo cartellino (il Psg lo ha comprato per 55 milioni di euro), ma tanto c’è Thiago Silva che ripara quasi sempre anche ai suoi errori.

E il Cile? Il calciatore più importante da un punto di vista carismatico è sicuramente Vidal e i problemi fisici dello juventino nell’ultimo periodo sono noti. In questo Mondiale finora Vidal ha sempre giocato bene, ma non ai livelli degli ultimi due anni di Serie A in cui correva dalla difesa all’attacco senza fermarsi un attimo. Per vincere contro il Brasile il Cile avrebbe bisogno del miglior Vidal, e probabilmente lo avrà a disposizione solo a mezzo servizio. L’altro campione di questa nazionale è Alexis Sanchez che invece sta giocando probabilmente al massimo delle sue potenzialità e anche Edu Vargas con la nazionale dà il meglio di sé, guidato dall’allenatore che lo ha lanciato nel grande calcio, Sampaoli. La sensazione è che il Cile in contropiede può dare problemi al Brasile – come lo ha fatto la Croazia nella prima partita – sfruttando le fasce d’attacco. E un gol del Cile è probabile in questa partita.

Chi vincerà la partita?
Il Brasile soffrirà parecchio il contropiede del Cile, ma alla fine dovrebbe vincerla, questa partita. Perché il Brasile gioca in casa, perché ha la carica dei tifosi, perché ha Neymar e soprattutto perché il Cile ha una difesa non all’altezza degli altri reparti. Troppo spesso la difesa in linea del commissario tecnico Sampaoli – che si schiera a tre o a quattro a seconda delle situazioni, con Isla che ha maggiori compiti offensivi a destra – ha ballato e regalato gol agli avversari. L’Australia ha fatto un gol al Cile e probabilmente avrebbe meritato di farne un altro, la Spagna ha sbagliato un paio di gol clamorosi a porta libera, e l’Olanda ha fatto due gol. Prima del Mondiale l’Egitto ha fatto due gol al Cile e Salah sembrava Maradona. Quell’amichevole il Cile l’ha vinta 3-2, e anche contro Australia e Spagna pur concedendo parecchio in difesa ha poi vinto. Contro il Brasile sarà diverso, contro il Brasile fare più di un gol è molto più complicato, e la difesa poco convincente del Cile potrebbe prenderne almeno un paio.

Le formazioni
Il Brasile giocherà coi soliti, Scolari non cambierà mai i suoi titolari a meno di infortuni o preoccupanti cali di condizione. L’ottima prova di Fernandinho quando è entrato contro il Camerun e il fatto che Paulinho stia passeggiando più che correndo nel corso del Mondiale, senza dare qualità in fase di manovra, potrebbe però convincerlo a fare finalmente un cambio.

Il Cile giocherà con la stessa squadra che ha battuto la Spagna.

I pronostici
La vittoria del Brasile ha la quota più alta di 1.62 su # che accredita sul conto un bonus di benvenuto del 200% del primo deposito fino a 30€. Il “gol” (entrambe le squadre segnano) è a quota 1.75 su # che offre ai nuovi registrati 5€ gratis subito + un bonus del 50% sul primo deposito fino a 50€.

Le promozioni dei bookmaker
# rimborserà le singole perdenti sul risultato esatto pronosticato se la scommessa sarà perdente a causa di un gol nei minuti di recupero.

#&bid=8762″ target=”_blank” >Betfair – offre ai nuovi registrati 10€ al termine della procedura di invio dei documenti più un bonus pari all’importo della prima scommessa effettuata (vincente o perdente che sia, fino a un massimo di 80€) – rimborserà fino a 25€ le scommesse perdenti su primo marcatore o risultato esatto nel la partita andrà ai tempi supplementari.

# rimborserà tutte le scommesse singole perdenti su risultato esatto, risultato esatto primo tempo, primo marcatore (partita e ciascuna squadra), ultimo marcatore (partita e ciascuna squadra) se il Cile si qualificherà ai quarti di finale.

Probabili formazioni
BRASILE: Julio César, Daniel Alves, Thiago Silva, David Luiz, Marcelo, Luiz Gustavo, Paulinho (Fernandinho), Oscar, Hulk, Neymar, Fred.
CILE: Bravo, Medel, Jara, Silva, Isla, Diaz, Aranguiz, Vidal, Mena, Sanchez, Edu Vargas.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
1 (1.62, #)
GOL (1.75, #)