NBA: il debutto degli Spurs nei playoff

Alle 19 tocca alla San Antonio dei Big 3 e di Marco Belinelli: dall’altra parte ci sono i Mavericks di Dirk Nowitzki, ottavi in regular season ma con tanta esperienza livello di playoff. Il programma della serata continua con Miami-Charlotte, Chicago-Washington e Houston-Portland.

SAN ANTONIO SPURS – DALLAS MAVERICKS

Il titolo dello scorso anno sfumato per una tripla allo scadere è una ferita aperta nei ricordi dei San Antonio Spurs. C’erano i presupposti per mollare tutto e far partire la ricostruzione, data l’età avanzata dei Big 3. Ma non sarebbe stata una fine degna di una delle dinastia più durature e forti della storia della lega. Una franchigia che negli ultimi 15 anni ha saputo vincere rinnovandosi di volta in volta non poteva abbandonare in quel modo. Le 62 vittorie in regular season, nonostante i minutaggi ridotti dei vari Duncan, Parker e Ginobili, sono state la risposta agli scettici. L’ennesima “missione” verso l’anello partirà oggi, alle 19, contro i Mavericks di un altro eterno, Dirk Nowitzki. Sulla carta (e non solo) non ci dovrebbe essere storia. Sì, sarà anche un derby texano, ma sinceramente questi Mavs, ai playoff per il rotto della cuffia, troppo perimetrali e tutt’altro che rocciosi in difesa, non dovrebbero creare grattacapi a San Antonio, che quest’anno li ha battuti 4 volte su 4. Tedescone, ovviamente, a parte: a 35 anni suonati sarà il principale pericolo (22 punti di media in stagione) per i nero argento.

PRONOSTICI:
1 (1.19, #)
Under 205.5 (1.90, #)
2 Handicap 9.5 (1.82, #)

MIAMI HEAT – CHARLOTTE BOBCATS

Nelle ultime due settimane di regular season gli Heat ne hanno combinate di ogni perché volevano prepotentemente questo accoppiamento. Secondo LeBron e compagni, Charlotte è l’avversario migliore per cominciare al meglio questi playoff. In effetti, come dargli torto? Fino al qualche mese fa, i Bobcats erano la squadra-barzelletta della lega. Poi, l’arrivo di Jefferson li ha riportati sulla cartina geografica della Nba. Il centro ex Jazz, voluto da Kemba Walker (l’altro artefice della stupefacente stagione di Charlotte), è reduce da una stagione stratosferica, chiusa con 26 punti e 13 rimbalzi di media nelle ultime dieci gare, 24.5 con 14.3 rimbalzi nel mese di aprile. Ci penserà Big Al a mettere in crisi gli Heat, da sempre poco abituati ai lunghi dominanti in post basso. Miami dovrà fare attenzione anche agli ottimi tiratori dei Cats, pronti a sfruttare gli scarichi di Walker e i raddoppi della difesa di Miami su Jefferson. Spoelstra e Riley ci hanno visto giusto, ma, parere nostro, se pensano di sbarazzarsi facilmente di questa Charlotte si sbagliano di grosso. Intanto stasera rivedremo Dwyane Wade, guarito dai problemi muscolari che lo hanno condizionato per tutta la stagione. Basterà la sua presenza per ridare smalto ai campioni in carica?

PRONOSTICI:
1X2 5.5 punti – 1 (1.43, #)
Under 190.5 (1.75, #)
2 Handicap 9.5 (1.88, #)
CHICAGO BULLS – WASHINGTON WIZARDS

Ma come, senza Rose infortunato, la trade che ha portato via un difensore come Deng e un roster che più corto di così non si può, i Bulls sono ancora là, temuti da chiunque? No, non è un’allucinazione: è proprio così. E se i Nets hanno tankato negli ultimi tempi per non incrociarli (preferendogli Miami!) un motivo ci deve essere. Questa è una Chicago dalle mille risorse: difesa (il vero marchio di fabbrica), esperienza, carattere. E un signor allenatore come Tom Thibodeau, capace di tirare fuori un DJ Augustin qualsiasi dal cilindro e farlo diventare un giocatore da 14 punti e 5 assist di media. Non ce ne vogliano i Wizards, tornati ai playoff dopo ben otto anni di purgatorio, ma in questa serie i Bulls non possono non essere favoriti. Washington è una squadra giovane e frizzante e saprà come metterli in difficoltà fin dalle prima palla a due (in stagione due vittorie Wizards contro una di Chicago) contando soprattutto sull’eclettica coppia di guardie Wall-Beal, ma secondo noi i Tori ne sanno qualcosa in più quando il gioco si fa duro. Ve ne accorgerete, già da stanotte.

PRONOSTICI:
1 (1.46, #)
Under 180.5 (1.95, #)
HOUSTON ROCKETS – PORTLAND TRAIL BLAZERS

Dopo Raptors-Nets, è la serie che molto probabilmente non si fermerà alle classiche quattro-cinque partite. I Rockets partono con il fattore campo e possono fare affidamento su uno degli attacchi (107 punti di media) più devastanti, rappresentato alla perfezione dalla coppia Harden-Howard. Non da meno i Blazers, che rimettono piede nella postseason dopo due anni: anche loro alla voce “attacco” sono tra i primi cinque della lega e le due principali stelle, Damian Lillard e La Marcus Aldridge, avranno sì poca esperienza a questi livelli ma se in giornata sono difficili da marcare per chiunque, come hanno dimostrato in regular season. Dietro gara 1, si cela qualche sorpresa: la pressione è tutta sulle spalle di Houston, squadra costruita per vincere subito, ma che ha ancora parecchi limiti. Ad esempio, le palle perse: oltre 16 a partita. Se Portland giocherà tranquilla e ordinata – magari riuscendo ad ottenere qualche punto in più dalla panchina, il tallone d’achille di coach Stotts – potrebbe anche fare il colpaccio.

PRONOSTICI:
1X2 5.5 punti – X (2.75, #)
2 Handicap 5.5 (1.85, #)