Juventus vincente, Real Madrid pure

Champions League

Champions League

MANCHESTER UNITED – BAYER LEVERKUSEN | martedì ore 20:45

Il Manchester United non sta giocando bene, i risultati finora non sono stati positivi e molti tifosi già rimpiangono Ferguson, che pure è stato decisivo nella scelta di Moyes come suo successore. Zero gol segnati contro Chelsea e Liverpool in Premier League, nell’ultimo turno è arrivata la vittoria contro il Crystal Palace, ma che fatica contro una squadra che era rimasta in dieci uomini già alla fine del primo tempo. Considerati i problemi che ha dato pur senza segnare l’attacco del Crystal Palace al Manchester United, è inevitabile pensare che il Bayer Leverkusen possa fare gol in questa partita. Il Bayer – terzo in classifica in Bundesliga – ha un attacco molto forte, Son sta sostituendo bene Schurrle passato al Chelsea ma il giocatore più forte resta Kiessling, capocannoniere della Bundesliga l’anno scorso e già secondo nella classifica cannonieri di quest’anno con quattro gol segnati, di cui due nell’ultimo turno. La quota per Kiessling marcatore è 4.00 su Paddypower che accredita l’importo della prima scommessa effettuata, vincente o perdente che sia (fino a un massimo di 50€). A chi vuole puntare sui segni classici consigliamo il probabilissimo “gol”, perché se per il veggente segna Kiessling evidentemente segnerà anche il Bayer Leverkusen, e il Manchester United almeno un gol dovrebbe farlo pure, perché nonostante i tanti problemi ci sono parecchi giocatori in grado di segnare anche con una giocata individuale, e ad Old Trafford il Manchester United – soprattutto nella fase a gironi – fallisce raramente.

Probabili formazioni:
MANCHESTER UNITED: De Gea, Radael, Ferdinand, Vidic, Evra, Carrick, Cleverley, Fellaini, Valencia, Rooney, Van Persie.
BAYER LEVERKUSEN: Leno, Donati, Toprak, Spahic, Boenisch, Bender, Reinartz, Rolfes, Sam, Kiessling, Son.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
GOL (1.66, #)
KIESSLING MARCATORE (4.00, Paddypower)

REAL SOCIEDAD – SHAKHTAR DONETSK | martedì ore 20:45

Lo Shakhtar Donetsk ormai lo conosciamo bene, partecipa alla Champions League da una vita e in Ucraina vince il campionato dal 2010. La squadra però rispetto all’anno scorso è stata un po’ rivoluzionata. A dare fiducia massima per i risultati è la conferma di Lucescu in panchina che in questi anni ha sempre saputo fare ambientare da subito i giocatori brasiliani che di volta in volta sono arrivati in Ucraina. Sono però partiti Willian, Mkhitaryan, Fernandinho e Rat, quattro titolari fissi della scorsa stagione. I sostituti sono ottimi giocatori: Fernando, mediano della nazionale brasiliana ex Gremio, Fred – da non confondere con l’attaccante capocannoniere della Confederations Cup – giovane talento dell’Internacional, potenzialmente più forte di Oscar del Chelsea, poi gli attaccanti Facundo Ferreyra e Wellington Nem. E in più c’è un altro fenomeno del futuro del calcio brasiliano, Bernard dell’Atletico Mineiro che ha anche giocato qualche minuto con il Brasile nell’ultima Confederations Cup. Il fatto è che sono partiti campioni ormai esperti, e sono arrivati per lo più giocatori che campioni lo saranno negli anni futuri. Per questo motivo, almeno in Champions League, si potrebbe assistere ad un anno di transizione e le ultime tre partite senza vittorie in campionato (due sconfitte e un pareggio) confermano questa sensazione.

Lo Shakhtar è squadra che gioca all’attacco, e lo farà anche in questa edizione di Champions League a giudicare dalla probabile formazione che giocherà stasera. Lucescu conferma il solito 4-2-3-1 con quattro giocatori che penseranno prevalentemente ad attaccare: Douglas Costa, Tayson, Alex Teixeira, Luiz Adriano. Bello, sì, e infatti questa sarà probabilmente una partita da “gol” e “over”, il problema è però che se attacchi contro la Real Sociedad e le dai spazio per il contropiede, resti fregato.

Alcuni ad inizio stagione erano pessimisti in casa Real Sociedad perché il miglior centrocampista della rosa, Illarramendi, se ne è andato al Real Madrid, e l’allenatore non è più Montanier bensì Jagoba Arrasate, che però è stato un rischio calcolaro (una vita alla Real Sociedad, prima nelle giovanili e poi come assistente di Montanier: questa squadra la conosce perfettamente). Sono arrivati il giovane Rubén Pardo e Esteban Granero, detto El Pirata, ex Real Madrid, arrivato in prestito dal Queens Park Rangers (ottimi piedi e ottimi inserimenti).

Il segreto dei successi della Real Sociedad sono le ripartenze – sì, il contropiede – grazie soprattutto all’opera di Vela, Griezmann e Seferovic. Ha sorpreso nelle partite dei preliminari di Champions League contro il Lione soprattutto il giovane nazionale svizzero ex Novara. Attaccante molto alto ma che con i piedi ci sa fare. È arrivato da poco tempo ma ha trovato subito una grande intesa con Vela e Griezmann che viene il dubbio abbiano giocato insieme nelle giovanili, se non fosse che sono uno svizzero, uno messicano e un francese.

Il veggente consiglia la vittoria della Real Sociedad a quota 2.30 su # che offre ai nuovi registrati un bonus pari al 50% dell’importo della prima scommessa (fino a un massimo di 50€). “Gol” (entrambe le squadre segnano) e “over” (almeno tre gol complessivi nel corso dell’incontro) le alternative.

Probabili formazioni:
REAL SOCIEDAD: Bravo, Estrada, Mikel González, Iñigo Martínez, De la Bella, Zurutuza, Markel, Xabi Prieto, Griezmann, Vela, Seferovic.
SHAKHTAR DONETSK: Kanibolotskiy, Srna, Kucher, Rakitskiy, Ismaily, Grechyshkin, Stepanenko, Douglas Costa, Tayson, Alex Teixeira, Luiz Adriano.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
1 (2.30, #)
GOL (1.70, Tipico)
OVER (2.00, Tipico)
GALATASARAY – REAL MADRID | martedì ore 20:45

La storia si ripete anche nel calcio, e a pochi mesi di distanza Galatasaray e Real Madrid giocano di nuovo contro. L’ultimo precedente è stato nei quarti di finale della scorsa edizione di Champions League e dopo la partita di andata al Bernabeu vinta 3-0 dal Real Madrid, il Galatasaray si tolse almeno la piccola soddisfazione di battere in casa il Real Madrid 3-2. Furono due partite da “over”, e “over” sarà molto probabilmente anche stavolta, perché sono due squadre in proporzione molto forti in attacco, molto meno in difesa.

I giocatori forti del Galatasaray in attacco sono Didier Drogba, Wesley Sneijder e Burak Yilmaz, che nella scorsa edizione di Champions League ha segnato 8 gol su 9 partite. In più partirà dalla panchina Bruma, portoghese preso in estate dallo Sporting Lisbona, che nell’ultimo mondiale under 20 giocato proprio in Turchia ha fatto vedere ottime cose e che è destinato a diventare un titolare di questa squadra.

La presenza in campo contemporanea di Sneijder e di due attaccanti come Yilmaz e Drogba è però un piccolo regalo per il Real Madrid, perché scegliendo questa questa formazione l’allenatore del Galatasaray, Terim, non avrà mai più di sette giocatori in fase difensiva. E la difesa del Galatasaray sia nei singoli che nel collettivo non sembra in grado di affrontare l’attacco del Real Madrid. Nella scorsa Champions League il Galatasaray ha subito sempre almeno un gol a partita, tranne nell’ultima del girone in casa contro il Manchester United (che era però già qualificato agli ottavi di finale). Peraltro, con Sneijder, Yilmaz e Drogba il Galatasaray non è certamente sulla velocità delle ripartenze che cercherà di impostare la partita. Il vantaggio semmai è quello di avere due validi saltatori nel gioco aereo, in grado di raccogliere le palle lunghe dalla difesa e far salire la linea difensiva della squadra diminuendo così di tanto in tanto la pressione del Real Madrid. L’altro vantaggio è quello relativo ai calci piazzati. Sneijder li sa calciare molto bene, la presenza di Drogba e Yilmaz in area di rigore (anche a raccogliere eventuali ribattute corte) farebbe paura a qualsiasi difesa, anche a quella non impeccabile del Real Madrid che senza Varane in questo avvio di stagione sta facendo peggio – se possibile – dell’anno scorso. Ancelotti sui calci piazzati ha sempre difeso a zona, il suo Milan prendeva tanti gol in occasioni del genere.

Il Real Madrid però da questa partita avrà a disposizione un certo Gareth Bale, e proprio Bale potrebbe esordire in Champions League con un gol. Felipe Melo nei raddoppi aiuterà Altintop ed Eboue sulla fascia destra del Galatasaray; su quella fascia agiranno Isco e Cristiano Ronaldo che per calciare col destro naturalmente preferisce partire da sinistra. Ogni tanto però Isco e Cristiano Ronaldo potrebbero provare anche il cambio di gioco sull’altra fascia, dove Bale avrà di fronte a sé Balta, anello debole della difesa del Galatasaray che nei tagli difensivi potrebbe soffrire molto il confronto con un avversario veloce come il gallese. Senza contare che i difensori del Galatasary dovranno pensare anche a Benzema che correrà su tutto il fronte offensivo. La vittoria del Real Madrid è a quota 1.61 su #, il bookmaker con le migliori quote sulle favorite.

Probabili formazioni:
GALATASARAY: Muslera, Eboue, Chedjou, Nounkeu, Balta, Felipe Melo, Inan, Altintop, Sneijder, Yilmaz, Drogba.
REAL MADRID: Casillas, Carvajal, Ramos, Pepe, Nacho, Khedira, Modric, Isco, Ronaldo, Bale, Benzema.

PROBABILE RISULTATO: 1-3
2 (1.61, #)
OVER (1.57, #)
BALE MARCATORE (2.60, Paddypower)
COPENAGHEN – JUVENTUS | martedì ore 20:45

Su Copenaghen – Juventus c’è molto meno da scrivere. I calciatori della squadra danese sono quasi tutti perfetti sconosciuti, tranne Mellberg che in passato ha giocato alla Juventus e l’allenatore Solbakken, che è molto conosciuto dai tifosi di Colonia e Wolverhampton, squadre che ha fatto retrocedere nel giro di due anni. Il Copenaghen è terzultimo nel campionato danese dopo che sono state giocate otto giornate, sta giocando male e proverà soltanto a limitare i danni contro la Juventus, difendendo e cercando di correre il più possibile per lasciare pochi spazi agli avversari. La vittoria della Juventus non sembra in discussione, e il Copenaghen probabilmente non farà gol ai bianconeri, anche perché Buffon con l’Italia e nell’ultima partita contro l’Inter ha dimostrato di essere in forma convincendo anche i più scettici tipo il veggente.

Probabili formazioni:
COPENAGHEN: Wiland, Jacobsen, Sigurdsson, Mellberg, Bengtsson, Bolanos, Claudemir, Kristensen, Vetokele, Jorgensen, Adi.
JUVENTUS: Buffon, Bonucci, Ogbonna, Chiellini, Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah, Quagliarella, Tevez.

PROBABILE RISULTATO: 0-2
2 (1.40, #)
NO GOL (1.70, #)