Calciomercato Inter, Biasin: “Offerte da ascoltare, per me è fuori fase”

Per Joaquín Correa la sfida di Coppa Italia Inter-Parma doveva essere l’occasione di rilancio, ma l’attaccante ha fornito l’ennesima prestazione opaca. In campo per più di 110 minuti non ha mai inciso né mostrato impegno.

Correa è arrivato all’Inter nel 2021, fortemente voluto da Inzaghi che lo aveva allenato alla Lazio. Formula dell’affare: prestito oneroso per 5 milioni di euro più un milione di bonus e obbligo di riscatto per 25 milioni di euro al verificarsi di determinate condizioni.

Correa sconcertante secondo Biasin - www.ilveggente.it
Correa ©️LaPresse

Fabrizio Biasin, intervenuto ai microfoni di calciomercato.it in onda sul canale Twitch TVPLAY, ha parlato della sfida fra Juventus e Napoli, di mercato dell’Inter e delle ultime prestazioni del Tucu Correa.

Sulla partita della diciottesima giornata fra Napoli e Juve Biasin ha dichiarato che secondo lui non si tratta di una gara non è decisiva: “Ne mancano altre venti. Tuttavia, questo ti fa capire quanto ha fatto il Napoli in questo girone di andata, che può lanciare un segnale importantissimo. Nel caso dovesse riuscire a strappare una vittoria o un pareggio, tutte le chiacchiere che abbiamo fatto durante il Mondiale dovremmo mangiarcele indietro. Il Napoli ha la chance di dare un segnale pesante, non alla Juve, a tutta la Serie A, ovviamente”.

Poi, sul futuro di Allegri, che molte voci danno lontano dalla Juve la prossima stagione, Fabrizio Biasin ha detto che probabilmente l’allenatore resterà al suo posto: “Stiamo ragionando su un allenatore che ha altri due anni di contratto“, ha dichiarato il giornalista di Libero ai microfoni di calciomercato.it, in onda sul canale Twitch TVPLAY. “Quindi, sì, bisogna capire cosa cercherà di fare la Juventus. Io penso che cercherà di salvarlo in tutti i modi”.

Il futuro di Correa all’Inter: “Non dico sia una causa persa, ma…

Biasin ha poi parlato del mercato dell’Inter. “Dal punto di vista dei conti, sappiamo come è la sessione di mercato dell’Inter, che termina la sessione con il + davanti. Questo devono fare Marotta e Ausilio. Secondo me non c’è mai una regola, la verità è che si deve essere bravi a costruire le squadre“. Dunque Biasin si dice contento di certe scelte, come l’ingaggio di Acerbi, criticatissimo dalla tifoseria nerazzurra.

Dumfries via dall'Inter - www.ilveggente.it
Dumfries ©️LaPresse

Non c’è nulla di male anche a puntare su un calciatore di esperienza, che magari ti possa dare una mano e aiutare a far crescere tutti i giovani“, ha detto il giornalista. “Abbiamo massacrato Acerbi, ma lui è venuto e ha dato una grande mano e sta facendo il suo dovere. Per costruire calciatori vincenti devi avere un mix tra giovani ed esperti, che ti riescano a dare una mano dall’inizio alla fine. Noi siamo indietro sullo scouting, lo sanno fare in pochi in Italia”.

Quindi il giornalista ha commentato la possibile cessione di Denzel Dumfries. “Se arriva un’offerta per Dumfries è possibile che l’Inter la prenda in considerazione. Ma se arriva l’offerta da miliardi di euro per Barella, tutti i nostri club sono tenuti ad ascoltarla. Siamo in una condizione dove non dettiamo noi le regole. Dumfries, esempio, per me è fuori fase. Mi auguro che cresca nelle prestazioni e nella presenza in campo.”

Infine il commento impietoso sull’apporto di Correa nelle ultime partite. “Non dico sia una causa persa, ma stiamo parlando di un anno e mezzo di non prestazioni, strano. La prestazione di ieri è stata sconcertante“.