Criptovalute, gongolano gli investitori: la mossa di Signal sdogana le monete virtuali

Le criptovalute e le app di messaggistica istantanea fanno fronte comune: ecco la novità pazzesca appena introdotta da Signal. 

Per certi versi, Signal è sempre stata un passo avanti rispetto alle altre app di messaggistica istantanea. Gli utenti più esperti, non a caso, hanno una dichiarata predilezione per essa. Tra le altre cose, pare che sia la più sicura dal punto di vista della privacy e della sicurezza.

Leggi anche: Calcio e criptovalute: il guadagno è assicurato

Non stupisce affatto perciò che sia stata proprio la creatura sviluppata da Open Whisper Systems la prima ad affacciarsi su un settore destinato a cambiare il mondo. Cosa che dimostra, appunto, la sua voglia di distinguersi dagli altri competitor che al momento gravitano su Play Store e App Store.

Gli utenti di Signal, da qualche ora, hanno la possibilità di fare qualcosa di assolutamente incredibile. L’app ha difatti ufficialmente inaugurato la possibilità di effettuare transazioni in criptovaluta direttamente dall’app.

Transazioni con criptovalute, Signal stringe l’accordo con MobileCoin

Criptovalute
©Getty Images

A rendere possibile tutto ciò è stata la partnership con MobileCoin, la criptovaluta fondata nel 2017 da Josh Goldbard. Una moneta che è solo apparentemente uguale a Bitcoin, Dogecoin, Ethereum e a tutte le altre attualmente in uso. Scavando più a fondo, si scopre che non è del tutto così.

MobileCoin ha dalla sua una facilità d’uso che fa di essa una perla rara, ma non solo. Si basa anche sull’anonimato transazionale, il che sta a significare che il suo asset digitale garantisce il massimo riserbo sull’identità di chi si accinge ad effettuare operazioni servendosi di questa criptovaluta.

Quella di Goldbard è dunque, al momento, la sola moneta virtuale supportata da Signal. Non è da escludersi, ad ogni modo, che l’app possa decidere di mettere in atto un piano più ambizioso e di stringere altri accordi con criptovalute più famose e meno di nicchia. Sebbene resti inteso, ovviamente, che già così si tratta di una rivoluzione senza precedenti.