Euro 2020, la top 11 ufficiale della competizione: ci sono cinque azzurri

Euro 2020
Jorginho alza la coppa durante i festeggiamenti ©️Getty Images

Euro 2020, pubblicata la formazione dell’Europeo che si è appena concluso. C’è tanta Italia ma la scelta che sorprende di più è in attacco.

Le luci sull’Europeo si sono spente da quasi due giorni. E, puntualissima, arriva la pubblicazione da parte della Uefa della top 11 della rassegna continentale, che domenica sera si è conclusa con lo straordinario trionfo degli Azzurri di Roberto Mancini. Diciamo subito che stavolta le scelte sembrerebbero accontentare un po’ tutti. Almeno così traspare dai primi commenti sui social. Scorrendo i nomi di questa speciale formazione – introdotta da “We are the people”, l’inno ufficiale di Euro 2020 – non si riscontrano esclusioni eccellenti. Di quelle che, solitamente, fanno discutere per settimane.

Un undici che non poteva che colorarsi d’azzurro dopo l’impresa di Wembley. Nient’altro che il coronamento di una cavalcata vincente, partita da lontano. Ed in cui l’Italia è stata praticamente perfetta, dalla fase a gironi fino alla finale. Motivo per cui la nostra rappresentanza è consistente nella top 11. Ben cinque gli azzurri presenti: si tratta di Donnarumma, Bonucci, Spinazzola, Jorginho e Chiesa.

Euro 2020, Lukaku preferito a Cristiano Ronaldo

Sull’ormai ex portiere del Milan c’è davvero poco da dire. Euro 2020 lo ha consacrato come uno dei migliori del pianeta. Ai calci di rigore contro Spagna e Inghilterra è stato decisivo, parandone addirittura tre. Al contrario, avrebbe fatto notizia la sua assenza. Scontate pure le nomination di Spinazzola e Bonucci. Il primo, devastante fino all’infortunio con il Belgio. Il secondo, invece, soprattutto per via del gol realizzato in finale, quello che ha permesso all’Italia di riacciuffare gli inglesi. Premio che, in realtà, avrebbe dovuto condividere con l’inseparabile Chiellini.

E non sorprendono nemmeno quelle di Jorginho e Chiesa, due punti fermi – l’italobrasiliano per le sue geometrie, lo juventino per le reti pesanti ad Austria e Spagna – della nazionale neocampione d’Europa.

Non mancano infine i giocatori dell’Inghilterra, altra grande protagonista del torneo. La Uefa ha inteso premiare i difensori Maguire e Walker e l’attaccante Sterling. A centrocampo spiccano anche la stellina spagnola Pedri e il danese tuttofare Hojbjerg. Forse la scelta più divisiva riguarda la punta centrale. Qui è stato preferito Lukaku a Cristiano Ronaldo e Schick, nonostante abbiano segnato un gol in più del gigante belga.