Euro 2020, Infortunio e Covid – Due ASSENZE dell’ultima ora

Euro 2020
L'Europeo, venerdì, comincerà da Roma (Getty Images)

Euro 2020, tra infortuni e Covid altre due assenze pesanti agli Europei dopo quella di Busquets della Spagna: ecco chi sono

Il pericolo è sempre dietro l’angolo. Soprattutto per quelle nazionali che non sono state vaccinate, a differenza degli azzurri che hanno ricevuto entrambe le dosi. Nelle ultime ore sono due le assenze ufficiali da Euro 2020. Elementi importanti per i rispettivi tecnici che, per un motivo o per l’altro, non potranno contare sulle loro prestazioni.

Dopo la positività di Busquets infatti – Luis Enrique, ct della Spagna, ha velocemente chiamato sei elementi che si alleneranno a parte ma vicini alla sua squadra – oggi è il turno di Kulusevski. L’esterno della Juventus e della Svezia è risultato positivo all’ultimo test effettuato nel ritiro della sua Nazionale. Non ci sarà per le prime partite. Ma probabilmente visto che dovrà mettersi in isolamento, salterà in maniera totale la competizione. Una grave perdita per il commissario tecnico della Svezia, che ha già dovuto rinunciare a Ibrahimovic.

LEGGI ANCHE: Venezuela-Uruguay e Cile-Bolivia, qualificazioni Mondiali 2022: pronostici

Euro 2020, è out anche l’attaccante polacco

Arkadiusz Milik (Getty Images)

Non ce la fa nemmeno Milik: l’attaccante dell’Om e della nazionale polacca, dovrà saltare Euro 2020. Per lui il solito problema al ginocchio che lo costringe a dare forfait. La notizia di Milik è stata ufficializzata nella tarda serata di ieri dalla federazione polacca. Che per il momento non ha chiamato nessun’altro calciatore. C’è tempo fino a 24 ore prima del debutto per poter fare un cambio nei convocati in caso di infortunio.

Sarà un Europeo strano. Sicuramente verrà portato a termine ma sarà anche l’ultimo itinerante, così come annunciato da Ceferin. Troppe difficoltà nei viaggi, nell’organizzazione dei singoli eventi, in tutte le Nazione interessate. Un esperimento, che probabilmente riuscirà, ma che non vedrà di nuovo la luce. Da ora in poi, una sola Nazione ospiterà la manifestazione continentale. Che inizierà venerdì, dall’Olimpico, con Turchia-Italia.