La prima giornata del mondiale di calcio femminile, stasera

Prima giornata del Campionato mondiale di calcio femminile 2019
Prima giornata del Campionato mondiale di calcio femminile 2019

Ci sono diverse partite da seguire, nella prima giornata del campionato mondiale di calcio femminile che comincia oggi. Stasera alle 21 a Parigi si giocherà nel Gruppo A Francia-Corea del Sud, la partita di esordio. La giornata si concluderà martedì prossimo, e mercoledì comincerà la seconda, senza giorni di sosta intermedi. La fase a gruppi terminerà il 20 giugno. La nazionale statunitense, in campo martedì per la prima partita, è quella campione in carica. Insieme alla Francia, alla Germania e all’Inghilterra è nella lista delle nazionali favorite per la vittoria finale.

La nazionale italiana di calcio femminile è nel gruppo C insieme ad Australia, Brasile e Giamaica. Allenata dalla ex calciatrice Milena Bertolini, in carica dal 2017, partecipa a un Mondiale dopo vent’anni di assenza. È capitata in un girone complicato ma non impossibile. Il Brasile, pur avendo in squadra alcune delle calciatrici più note e più forti al mondo, è una nazionale tatticamente imperfetta e non vince una partita da oltre un anno. L’Australia ha un’attaccante formidabile, Sam Kerr, ma ha cambiato allenatore a gennaio scorso: la preparazione atletica, secondo gli esperti, potrebbe averne risentito. E la Giamaica è del gruppo C la nazionale con meno esperienza.

Le partite da seguire nella prima giornata

Francia-Corea del Sud, stasera nel Gruppo A, è la prima partita del campionato mondiale di calcio femminile ed è già una partita da seguire. La nazionale francese è da molti ritenuta una tra le principali candidate alla vittoria finale. Non ha ancora mai vinto un Mondiale ma ha in squadra calciatrici fortissime come la centrocampista Amandine Henry, la difensora Wendie Renard, l’attaccante Eugene Le Sommer e la giovane centrocampista esterna Delphine Cascarino. La Corea del Sud può tuttavia contare sull’esperienza internazionale della sua capitana, la centrocampista Cho So-hyun, che gioca nel West Ham.

Nel Gruppo B Germania-Cina, in programma sabato alle 15, è un’altra gran bella partita, con in campo una delle nazionali largamente favorite. Subito dopo gli Stati Uniti la Germania è quella che ha vinto più volte il Mondiale (nel 2003 e nel 2007). Ed è anche l’unica a condividere questo tipo di successo con la corrispondente nazionale maschile. Ha una formidabile trequartista, Dzsenifer Marozsán, e due attaccanti fortissime, Alexandra Popp e la giovane Lea Schüller. La Cina, che per due volte ha ospitato un Mondiale femminile, ha una nazionale di non altissimo livello ma di lunga esperienza. Wang Shuang, centrocampista del Paris Saint-Germain, è una tra le giocatrici più forti nella rosa.

Nuova Zelanda-Paesi Bassi, martedì alle 15 nel Gruppo E, è una delle partite più equilibrate tra quelle della prima giornata del campionato mondiale di calcio femminile. Nessuna delle due squadre è ritenuta una favorita ma entrambe hanno compiuto rilevanti progressi negli ultimi tempi. Nella Confederazione di calcio dell’Oceania la Nuova Zelanda non ha praticamente più rivali da quando l’Australia è passata a quella asiatica. Ai Mondiali non è mai andata oltre la fase a gruppi e non ha mai vinto una partita. Stavolta ha però un allenatore sgamato, Tom Sermanni, che in passato ha allenato anche la nazionale femminile statunitense. Nella nazionale olandese, campione d’Europa in carica, gioca l’attaccante del Barcellona Lieke Martens, una delle calciatrici più forti al mondo.