Un allenatore è stato squalificato dopo aver ritirato la squadra per un insulto razzista

La panchina dell'Ericastan Park, il campo del Wythenshawe Town. (foto: wythenshawetownfc.co.uk)

James Kinsey, allenatore del Wythenshawe Town, ha ricevuto una multa e una squalifica per aver ordinato alla sua squadra di abbandonare il campo durante una partita giocata a fine gennaio contro il Rylandson Town. Il Wythenshawe Town è una squadra di Manchester che gioca nella North West Counties League, una sottodivisione della quinta serie inglese. Kinsey aveva preso quella decisione dopo aver sentito uno dei guardalinee offendere un calciatore nero del Wythenshawe. Martedì scorso una commissione di inchiesta indipendente della Manchester Football Association ha accertato una violazione “aggravata” del regolamento disciplinare da parte del guardalinee, che è stato squalificato. In attesa di fornire motivazioni più dettagliate, la commissione ha anche inflitto una multa e una squalifica di sette giorni a Kinsey per aver violato il regolamento ritirando la squadra dal campo.

La violazione contestata a Kinsey, che salterà una partita, è quella della regola di condotta E 3(1), relativa al comportamento di qualsiasi tesserato. La regola impone a ogni partecipante di “agire nell’interesse della partita e non mettere in pratica alcun comportamento improprio o che possa comportare l’interruzione dell’evento”. Il presidente del Wythenshawe, Chris Eaton, ha definito “pessima” la decisione della commissione, poi molto contestata anche dall’associazione contro il razzismo Kick It Out. “Il calcio manda un segnale sbagliato quando infligge multe più severe alle vittime di insulti razzisti che ai presunti autori di quegli insulti”, si legge in un comunicato.

La Manchester FA ha detto che Kinsey ha accettato la sanzione, senza aggiungere ulteriori dettagli. Non ha nemmeno chiarito se la multa e la squalifica siano legate alla decisione di Kinsey di ritirare la squadra. L’insulto rivolto dal collaboratore dell’arbitro e accertato dalla commissione d’inchiesta era stato sentito da altri quattro giocatori in panchina, oltre che da Kinsey. Entrambe le squadre avranno sette giorni di tempo per fare ricorso in appello. Al momento dell’interruzione della partita, riporta un quotidiano locale, il Rylandson Town era in vantaggio di tre gol a zero sul Wythenshawe.