Bologna-Milan, Serie A (martedì)

Serie A
Serie A

Bologna-Milan è l’ultima partita della sedicesima giornata di Serie A, si gioca alle 20.30: le probabili formazioni, le cose da sapere e il pronostico. L’allenatore del Bologna Pippo Inzaghi rischia l’esonero contro la sua ex squadra, che dopo l’eliminazione dall’Europa League non se la passa benissimo.

BOLOGNA – MILAN | martedì ore 20:30

L’allenatore del Bologna Pippo Inzaghi rischia l’esonero proprio nella partita che lo vede contrapposto alla sua ultima ex squadra da calciatore, il Milan, nonché la prima con cui ha allenato in Serie A nella stagione 2014/15 ottenendo 13 vittorie, 12 sconfitte e 13 pareggi. Dopo l’esperienza negativa al Milan, Pippo Inzaghi ha avuto l’umiltà di ripartire dalla Serie C, centrando la promozione alla guida del Venezia, poi portato fino ai playoff alla prima stagione in Serie B. Il ritorno in Serie A non sta andando come sperava, ma le colpe non sono tutte sue, anzi. Il Bologna si è indebolito rispetto alla scorsa stagione in cui ha faticato a salvarsi, cedendo il suo calciatore migliore, Simone Verdi, e facendo altre scelte discutibili come quella di fare partire facilmente il giovane Di Francesco.

I soli 11 punti raccolti in 15 partite dal Bologna (terzultimo in classifica), che in Serie A non ne raccoglieva così pochi a questo punto della stagione dal 2008/09, non sono insomma colpa del solo allenatore e servirebbero dei rinforzi nel corso del calciomercato invernale per migliorare la rosa. In casa il Bologna ha però perso solo una delle ultime cinque partite, battendo la Roma e l’Udinese e fermando anche Torino e Fiorentina.

Il Milan avrebbe bisogno di una vittoria per rilanciare le sue ambizioni di classifica e conservare quanto meno l’attuale quarto posto. Nell’ultimo mese l’allenatore Gattuso ha dovuto fare i conti con gli infortuni di parecchi calciatori, soprattutto in difesa, e il rendimento della squadra ne ha risentito in campionato. La delusione più grande è stata però l’eliminazione dall’Europa League: il Milan avrebbe passato il turno anche in caso di sconfitta con un solo gol di scarto, o con due gol di scarto segnando almeno due gol. Ha perso 3-1 ed è stato così già sbattuto fuori da una competizione che il Milan non ha mai amato fin da quando si chiamava Coppa Uefa.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore del Bologna Pippo Inzaghi sembra intenzionato a riproporre il 3-5-2, con Calabresi, Danilo ed Helander difensori centrali e Mattiello e Dijks esterni di centracampo con compiti maggiormente di copertura. A centrocampo Nagy sostituirà l’infortunato Pulgar come regista, mentre Poli e Svanberg, favorito su Dzemaili saranno gli interni. In attacco Inzaghi si affiderà a Santander e Palacio, con Orsolini che potrebbe tornare utile a partita in corso.

Dall’altra parte Gattuso dovrebbe insistere con il 4-4-2 usato di recente schierando insieme Cutrone e Higuain in attacco, con quest’ultimo a secco di gol da addirittura cinquanta giorni. In difesa Romagnoli e Musacchio sono recuperati ma solo per la panchina, Gattuso ha detto di volere evitare delle ricadute e non rischiare di ritrovarsi poi nuovamente in emergenza. Molto probabilmente sarà così ancora Abate a giocare da centrale di difesa con Zapata, mentre Calabria e Rodriguez giocheranno da esterni. A centrocampo in assenza di Biglia ci sarà ancora Bakayoko apparso in crescita, al suo fianco Kessie. Gli esterni dovrebbero essere Suso e uno tra Calhanogli, Laxalt e Castillejo.

Il pronostico

Gli infortuni stanno condizionando il rendimento del Milan, soprattutto la difesa lascia a desiderare. Il Bologna farà però principalmente una partita difensiva, puntando sull’aggressività del centrocampo e sull’agonismo: potrebbe bastare per strappare un pareggio in una partita con gol in cui il Milan dovrebbe quanto meno evitare la sconfitta.

Le probabili formazioni di Bologna-Milan

BOLOGNA (3-5-2): Skorupski; Calabresi, Danilo, Helander; Mattiello, Nagy, Poli, Svanberg, Dijks; Santander, Palacio.
MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Abate, Zapata, Rodriguez; Suso, Bakayoko, Kessiè, Calhanoglu; Higuain, Cutrone.

PROBABILE RISULTATO: 1-1