Champions League: Benfica-Napoli e Dinamo Kiev-Besiktas (gruppo B)

Champions League
I pronostici sulle partite di calcio della Champions League, la più importante competizione d'Europa per squadre di club

L’ultima giornata è decisiva per il girone B: Benfica e Napoli occupano il primo posto con otto punti, ma il Besiktas a quota sette può ancora sperare di superare almeno una delle due, a patto di vincere in casa della Dinamo Kiev ormai già fuori dai giochi (col pareggio passerebbe il turno solo in caso di contemporanea sconfitta del Napoli).

BENFICA – NAPOLI | martedì ore 20:45

Benfica e Napoli si sono complicate la vita in modo clamoroso nel corso di questo girone ed entrambe rischiano un’eliminazione che sarebbe una vera e propria beffa. Il Napoli aveva iniziato il girone alla grande con due vittorie nelle prime due partite (incluso il 4-2 ai portoghesi nella sfida di andata giocata al San Paolo), e già alla terza giornata aveva l’occasione di qualificarsi aritmeticamente agli ottavi di finale. La squadra allenata da Sarri ha però perso in casa contro il Besiktas, e nelle successive due partite ha fatto solo due punti. In particolare, nella scorsa giornata, non è riuscita ad andare oltre lo zero a zero in casa contro la Dinamo Kiev, pur creando parecchie occasioni.

Il Benfica nell’ultimo turno era in vantaggio di tre gol sul Besiktas e aveva in mano la qualificazione agli ottavi di finale: alla fine è fatto rimontare dal Besiktas che ha pareggiato 3-3 ed è così tornato in piena corsa per il passaggio del turno. Benfica e Napoli sperano in un favore della Dinamo Kiev: il Besiktas in caso di mancata vittoria potrebbe migliorare la sua attuale terza posizione solo in caso di contemporanea sconfitta del Napoli, ma se i turchi riusciranno a passare in Ucraina a quel punto il Benfica avrà solo la vittoria a disposizione per il passaggio del turno, al contrario del Napoli che ha il vantaggio di potere giocare con due risultati su tre a disposizione.

Nella partita di andata il Napoli ha dimostrato la sua superiorità rispetto al Benfica, tanto che a un certo punto era in vantaggio di ben quattro gol. Era un Napoli in salute e diverso da quello che ha faticato per tutto il mese di novembre. Nell’ultimo periodo la squadra allenata da Sarri ha avuto qualche passaggio a vuoto di troppo, e hanno influito in negativo gli infortuni di Albiol in difesa e Milik in attacco. Nelle prime sei partite di Serie A con Albiol a fare coppia con Koulibaly in difesa, e con Milik in avanti, il Napoli ha vinto in quattro occasioni mantenendo per tre volte la porta inviolata, e ha centrato due successi su due in Champions League. Senza Albiol e Milik, e con Allan e Jorginho non ai livelli dello scorso anno, il Napoli ha poi vinto solo quattro delle successive dieci partite ufficiali. La vittoria per 3-0 sull’Inter di venerdì scorso ha riportato un po’ di serenità ed entusiasmo, anche perché in difesa è finalmente tornato Albiol, a centrocampo i nuovi acquisti Diawara e Zielinski hanno sostituito con ottimi risultati Allan e Jorginho, e in attacco Insigne si è sbloccato segnando ben quattro gol nelle ultime tre partite, dopo un lungo digiuno. Pure Mertens sta facendo molto bene nel ruolo di “falso nueve” e – assente contro l’Inter per squalifica – è pronto a riprendersi il posto da titolare, con Gabbiadini in panchina.

Nella scorsa edizione di Champions League il Benfica è arrivato fino ai quarti di finale e già solo per questo è una squadra che merita rispetto, ma gli addii del campioncino Renato Sanches passato al Bayern Monaco e dell’esterno di maggiore qualità Gaitan finito all’Atletico Madrid hanno inevitabilmente indebolito la squadra. Il Benfica è riuscito quanto meno a confermare il suo fromboliere Jonas, 35 gol lo scorso anno, che però è assente ormai da inizio campionato per infortunio e il suo sostituto Mitroglu non sta facendo benissimo, appena tre gol nelle ultime dieci partite. Tra i nuovi arrivati Alejandro Grimaldo, Rafa Silva e Franco Cervi stanno facendo vedere buone cose, ma il livello della squadra è più basso rispetto all’anno passato e l’allenatore dovrà fare pure i conti con gli infortuni di Alex Grimaldo, André Horta ed Eliseu.

Il Napoli ha la qualità per fare almeno un punto e ottenere la qualificazione, in una partita che potrebbe iniziare su ritmi non altissimi e che potrebbe essere inizialmente condizionata dal risultato dell’altra sfida.

Le probabili formazioni:
BENFICA: Ederson, Semedo, Luisao, Lindelof, Almeida, Fejsa, Pizzi, Salvio, Guedes, Cervi, Mitroglou.
NAPOLI: Reina, Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam, Zielinski, Diawara, Hamsik, Callejon, Mertens, Insigne.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
GOL (1.75, Bet365)
X2 (1.55, Bet365)
UNDER 1.5 PRIMO TEMPO (1.36, Bet365)




 

DINAMO KIEV – BESIKTAS | martedì ore 20:45

L’allenatore della Dinamo Kiev, Serhiy Rebrov, ha preannunciato che manderà in campo la formazione possibile e caricherà nel migliore dei modi la propria squadra, nonostante l’ultimo posto nel gruppo B di Champions League sia ormai inevitabile. Le motivazioni, però, fanno spesso la differenza: ecco perché è difficile pensare che la formazione ucraina possa realmente impensierire il Besiktas, che invece è in piena corsa per la qualificazione agli ottavi di finale. Attualmente in terza posizione, la squadra guidata in panchina da Senol Gunes passerebbe certamente il turno in caso di vittoria, mentre potrebbe accontentarsi di un pareggio soltanto qualora il Napoli dovesse perdere a Lisbona.

Lo scorso 23 novembre, rimontando tre gol di svantaggio contro il Benfica e ottenendo un rocambolesco pareggio, il Besiktas – che aveva già stupito in precedenza, imponendosi al “San Paolo” per 3-2 – è riuscito a mettere ancor più in difficoltà le proprie rivali: non è un caso che, alla vigilia dell’ultima giornata, questo girone abbia un esito ancora molto incerto. La possibilità di non dipendere da nessuno rappresenta un vantaggio davvero importante per il club turco, che farà di tutto per sfruttare la situazione e approdare alla fase a eliminazione diretta. Gunes – alle prese con i guai fisici di Caner Erkin, Talisca e Rhodolfo – dovrebbe affidarsi al 4-2-3-1, sistema di gioco in cui Ricardo Quaresma, Tolgay Arslan e Adriano sono pronti a piazzarsi alle spalle di Vincent Aboubakar, centravanti di buon livello.

Probabili formazioni:
DINAMO KIEV: Rudko, Morozyuk, Vida, Khacheridi, Antunes, Rybalka, Yarmolenko, Sydorchuk, Garmash, Tsygankov, Junior Moraes.
BESIKTAS: Fabri, Gonul, Tosic, Marcelo, Beck, Hutchinson, Inler, Quaresma, Arslan, Adriano, Aboubakar.

PROBABILE RISULTATO: 0-1
2 (2.40, William Hill)