Roma-Fiorentina, ancora

Europa League

Roma e Fiorentina si affrontano per la quinta volta in stagione, stavolta in palio c’è la qualificazione ai quarti di finale di Europa League. La partita di andata giocata a Firenze è finita 1-1.

ROMA – FIORENTINA | giovedì ore 19:00

Prima della partita di andata qui sul veggente abbiamo puntato sull’under, azzeccando anche il risultato esatto di 1-1. Tutte le statistiche vanno nella direzione dell’under e di una partita con pochi gol anche in questo caso, ma ci sono dei motivi più che validi – tra cui le quote abbastanza alte – per puntare sull’over e sul “gol”.

Le statistiche che farebbero pensare all’under sono le stesse che abbiamo scritto sette giorni fa. La Roma nel 2015 su 16 partite ufficiali giocate ha fatto 13 “under 2.5”, e i quattro precedenti giocati tra Fiorentina e Roma in questa stagione sono tutti finiti in “under 2.5” e con lo stesso numero di gol fatti: 2. La Roma ha vinto in casa la prima partita del campionato 2-0, poi ha perso 2-0 all’Olimpico in Coppa Italia mentre i due precedenti giocati al “Franchi” sono finiti tutti e due 1-1. E delle 16 partite ufficiali giocate dalla Roma in questo 2015, ben 8 – l’esatta metà – sono finite col risultato di 1-1.

I problemi della Roma
La Roma ha giocato contro la Sampdoria la migliore partita delle ultime settimane, ma ha perso. Questo è un cattivo presagio in vista di questa partita. La Roma ha giocato meglio rispetto alle precedenti partite, ma non ha giocato benissimo e ha mostrato ancora una volta tutti i suoi limiti attuali. Il rendimento di questa squadra non è paragonabile alla Roma della scorsa stagione né a quella del girone di andata di questa stagione. Contro la Sampdoria la Roma ha attaccato con maggiore costanza rispetto alle ultime partite, ma non è riuscita a fare gol e questo è un problema grave nel gioco del calcio in cui per vincere le partite si deve fare un gol in più degli avversari. Nelle 16 partite ufficiali giocate nel 2015 la Roma è riuscita a fare più di un gol soltanto in tre occasioni, contro la Lazio, contro il Cagliari e contro il Feyenoord. Il rendimento recente della Roma è stato migliore in trasferta rispetto alle partite in casa. All’Olimpico nelle ultime dieci partite ufficiali la Roma non ha mai vinto.

Il problema della Roma è che ha delle enormi difficoltà a creare occasioni da gol contro le squadre che si chiudono bene in difesa, come fanno ormai tutte le squadre che vanno a giocare all’Olimpico conoscendo bene il gioco di Rudi Garcia. Gervinho non ha più spazi per sfruttare la sua velocità come avveniva l’anno scorso e l’attaccante ivoriano quest’anno è tornato ai livelli dell’Arsenal, quando faceva tanti dribbling – molti dei quali inutili – e pochi gol. Gervinho resta in ogni caso l’unico attaccante in grado di movimentare la manovra offensiva della Roma, troppo statica. Una squadra che vuole vincere campionato e coppe non può affidarsi esclusivamente a un calciatore di 38 anni, seppure fortissimo. Totti ha un valore indiscutibile per questa squadra, il problema non è tanto Totti quanto il fatto che non si riesca a trovare un sostituto o un modulo di gioco che vada bene anche per un altro attaccante diverso da Totti, le cui caratteristiche sono uniche. Destro è un ottimo attaccante d’area di rigore, l’allenatore Rudi Garcia non ha saputo costruirgli intorno una Roma-2 che giocasse in modo diverso dalla Roma con Totti e avere preso Doumbia è servito finora a ben poco.

La Roma stasera dovrebbe giocare con De Rossi e Totti nuovamente titolari. I gol su azione di Totti sono diminuiti nel corso delle ultime stagioni, il capitano della Roma è fortissimo a fare gli assist ma gli attaccanti esterni Ljajic, Gervinho e Iturbe hanno dato un contributo misero in zona gol e da qui nascono i problemi di questa squadra. La Roma con Totti avrebbe senso se avesse due attaccanti esterni da 15 gol a stagione

Il calo di rendimento di De Rossi è ormai evidente. De Rossi non è mai stato un calciatore abilissimo a verticalizzare il gioco – per questo Zeman gli preferiva Tachtsidis – ma metterlo davanti i due centrali di difesa era una sicurezza per la fase di non possesso palla. Nelle ultime partite De Rossi è stato lento anche nei recuperi e nei contrasti, e ha sbagliato pure i passaggi più semplici in orizzontale. Farlo giocare stasera è un altro rischio, sarebbe probabilmente meglio puntare su Keita mediano con Florenzi e Pjanic interni di centrocampo.

La Roma potrebbe inoltre sentire addosso troppa pressione e avere paura di sbagliare. I fischi dei tifosi alla fine della partita contro la Sampdoria, e le contestazioni proseguite nel corso della settimana non faranno bene a una squadra insicura e fragile dal punto di vista emotivo. Ogni azione offensiva della Sampdoria nel secondo tempo era un gol potenziale. Se la Roma dovesse passere in svantaggio contro la Fiorentina in questa partita, rischierebbe di subire una goleada e non sarebbe una novità (vedi partita contro il Bayern Monaco).

L’entusiasmo della Fiorentina
La Fiorentina ha vinto in rimonta contro il Milan lunedì – unica squadra italiana tra quelle impegnate in Europa League a vincere in campionato – e per questa partita ritrova parecchi calciatori: Savic in difesa, Salah, Babacar e Mario Gomez in attacco. L’unica assenza pesante è quella di Pizarro che però verrà rimpiazzato al centro del campo da Mati Fernandez, che avrà tutto il tempo di fare gioco visto che la Roma sarà priva di Nainggolan, squalificato: De Rossi e Keita non sono calciatori in grado di fare pressing con costanza come avrebbe fatto il belga. La Fiorentina potrà fare per questo maggiore possesso palla con facilità e alla lunga dovrebbe approfittare dei cali di concentrazione della difesa avversaria, con Salah che lasciato a riposo contro il Milan sarà pronto a fare di nuovo una grande partita.

Perché scegliere “gol” e “over”?
La Roma ha evidenti problemi difensivi, la Fiorentina in trasferta subisce gol con una certa regolarità (17 su 14 partite giocate) ma ne fa anche parecchi (21) e dopo la Juventus è la squadra che ha fatto più punti in Serie A fuori casa. Nelle partite di ritorno delle coppe europee c’è inoltre sempre una maggiore tendenza all’over, soprattutto nel secondo tempo se una delle due squadre deve recuperare una situazione di svantaggio. Tutte e due le squadre sono molto abili in contropiede e potrebbero giovare di una situazione del genere.

Le promozioni dei bookmaker
#&bid=9289″ target=”_blank”>Betfair – che offre ai nuovi registrati 5 euro subito, senza obbligo di deposito, e un accredito – fino a un massimo di 50€ – pari al 50% dell’importo della prima scommessa effettuata (di almeno 10€) – rimborserà le puntate (25 euro massimo) perdenti su risultato esatto o parziale finale, prevedendo, al di fuori della propria giocata, una di queste opzioni: l’incontro prosegue ai tempi supplementari, c’è un cartellino rosso, più di 3 gol, Totti primo marcatore, Salah segna per ultimo.

William Hill rimborserà le scommesse perdenti sul risultato esatto se la partita finirà 0-0 e quelle sul primo marcatore se il calciatore pronosticato farà gol per secondo.

I pronostici
Il “gol” (entrambe le squadre segnano) è a quota 1.90 su William Hill che

Probabili formazioni
ROMA: Skorupski, Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas, De Rossi, Keita, Florenzi, Ljajic, Gervinho, Totti.
FIORENTINA: Neto, Savic, Gonzalo Rodriguez, Tomovic, Alonso, Mati Fernandez, Badelj, Borja Valero, Joaquin, Salah, Babacar.

PROBABILE RISULTATO: 1-2
GOL (1.90, William Hill)
OVER 1.5 (1.33, William Hill)
OVER 1.5 SECONDO TEMPO (2.20, William Hill)
X2 (1.72, William Hill)
SALAH MARCATORE (3.50, William Hill)